Raggi: “Guidare Roma è impegnativo, preghi per noi”. Il Papa: “Serve coraggio creativo”

Il Papa in visita al Campidoglio ha tenuto il suo discorso in aula Giulio Cesare dopo il saluto della sindaca
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non sfugge a nessuno di noi l’impegnativo compito che spetta a chi è stato chiamato ad amministrare questa antica e gloriosa Città. Ci siamo impegnati fin dal primo momento e continuiamo con costanza, per affermare i principi di giustizia e la salvaguardia della dignità di tutti, nel rispetto delle diversità culturali e religiose. Nessuno deve rimanere indietro. Siamo certi che ella non si stancherà mai di pregare e operare per il bene di questa comunità che l’ama profondamente. Santità, nel ringraziarla per la sua instancabile e costante opera pastorale, Le assicuro che la ascolteremo nella consapevolezza della responsabilità che deriva dal ruolo istituzionale che abbiamo l’onore e l’onere di ricoprire”. Così il sindaco di Roma, Virginia Raggi, nel corso del suo intervento in aula Giulio Cesare in occasione della visita di Papa Francesco in Campidoglio.

Leggi anche: Papa Francesco in Campidoglio: ecco il programma

Papa Francesco è arrivato in Campidoglio sotto una pioggia battente accompagnato dal cardinale vicario Angelo De Donatis, e accolto dalla sindaca di Roma, Virginia Raggi, e dallo squillo delle trombe dei fedeli di Vitorchiano. I due sono saliti insieme sulla scalinata dell’ingresso Sisto IV di Palazzo Senatorio, e dopo aver posato in favore dei fotografi si sono diretti all’interno per l’inizio della visita: il primo incontro è stato in sala dell’Orologio con il figlio della sindaca, il piccolo Matteo, e il marito Andrea.

PAPA FRANCESCO: A CITTÀ SERVE CURA UMILE E CORAGGIO CREATIVO

“La ‘Città eterna’ è un organismo delicato, che necessita di cura umile e assidua e di coraggio creativo per mantenersi ordinato e vivibile, perché tanto splendore non si degradi, ma al cumulo delle glorie passate si possa aggiungere il contributo delle nuove generazioni, il loro specifico genio, le loro iniziative, i loro buoni progetti”. Così Papa Francesco in occasione del discorso ufficiale pronunciato in aula Giulio Cesare, durante la sua prima visita ufficiale in Campidoglio. “Il Campidoglio, insieme alla Cupola michelangiolesca e al Colosseo, che da qui si possono vedere- ha aggiunto il Papa- ne sono in un certo senso gli emblemi e la sintesi. Infatti l’insieme di queste vestigia ci dice che Roma possiede una vocazione universale, portatrice di una missione e di un ideale adatto a valicare i monti e i mari e ad essere narrato a tutti, vicini e lontani, a qualsiasi popolo appartengano, qualsiasi lingua parlino e qualunque sia il colore della loro pelle”.

raggi papa campidoglio

PAPA FRANCESCO: CITTÀ HA SEMPRE ACCOLTO POPOLAZIONI DIVERSE

“Roma, lungo i suoi quasi 2.800 anni di storia, ha saputo accogliere e integrare diverse popolazioni e persone provenienti da ogni parte del mondo, appartenenti alle più varie categorie sociali ed economiche, senza annullarne le legittime differenze, senza umiliare o schiacciare le rispettive peculiari caratteristiche e identità. Piuttosto ha prestato a ciascuna di esse quel terreno fertile, quell’humus adatto a far emergere il meglio di ognuna e a dar forma, nel reciproco dialogo, a nuove identità”. Così Papa Francesco in occasione del discorso ufficiale pronunciato in aula Giulio Cesare, durante la sua prima visita ufficiale in Campidoglio. 

“Questa città- ha aggiunto- ha accolto studenti e pellegrini, turisti, profughi e migranti provenienti da ogni regione d’Italia e da tanti Paesi del mondo. È diventata polo d’attrazione e cerniera. Cerniera tra il nord continentale e il mondo mediterraneo, tra la civiltà latina e quella germanica, tra le prerogative e le potestà riservate ai poteri civili e quelle proprie del potere spirituale. Si può anzi affermare che, grazie alla forza delle parole evangeliche, si è qui inaugurata quella provvida distinzione, nel rispetto reciproco e collaborativo per il bene di tutti, tra l’autorità civile e quella religiosa, che meglio si conforma alla dignità della persona umana e le offre spazi di libertà e di partecipazione”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

26 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»