NEWS:

Tensione in Medio Oriente, il Papa: “Cessare ogni azione, no a spirale violenza”

L'appello di papa Francesco a fermare la spirale della violenza in Medio Oriente quando si affaccia al balcone di Piazza San Pietro durante l'Angelus. E torna a chiedere il cessate il fuoco per Gaza

Pubblicato:14-04-2024 12:21
Ultimo aggiornamento:15-04-2024 10:52

PAPA-FRANCESCO frociaggine
FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

ROMA – “Seguo nella preghiera e con preoccupazione, e anche dolore, le notizie giunte nelle ultime ore sull’aggravamento della situazione in Israele a causa dell’intervento da parte dell’Iran. Faccio un accorato appello affinché si fermi ogni azione che possa alimentare una spirale di violenza con il rischio di trascinare il Medio Oriente in un conflitto bellico ancora piu grande”. Papa Francesco lo dice dal balcone di Piazza San Pietro in occasione dell’Angelus domenicale.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Medio Oriente, Tel Aviv: “Attacco iraniano sventato, abbattuto il 99% dei droni”. Teheran all’Onu: “Questione chiusa ma Israele non faccia altri errori”. Meloni convoca il G7

“SERVE CESSATE FUOCO A GAZA, CATASTROFE UMANITARIA, LIBERARE OSTAGGI”

“Si giunga presto a un cessate il fuoco a Gaza e si percorrano le vie del negoziato, con determinazione. Si aiuti quella popolazione precipitata in una catastrofe umanitaria. Si liberino subito gli ostaggi rapiti mesi fa”. Papa Francesco lo dice dal balcone di Piazza San Pietro in occasione dell’Angelus domenicale.
“Quanta sofferenza, preghiamo per la pace, basta con la guerra, basta con gli attacchi, basta con la violenza, sì al dialogo e sì alla pace”, aggiunge Bergoglio.


“DUE STATI VICINI, IN SICUREZZA, DIRITTO ISRAELIANI E PALESTINESI”

“Nessuno deve minacciare l’esistenza altrui, le nazioni si schierino invece dalla parte della pace e aiutino gli israeliani e i palestinesi a vivere in due Stati, fianco a fianco, in sicurezza, come è loro profondo e lecito desiderio, ed è un loro diritto. Due stati, vicini”. Papa Francesco lo dice dal balcone di Piazza San Pietro in occasione dell’Angelus domenicale.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it