Di Maio: "Contratto quasi pronto, lo abbiamo fatto in 6 giorni. Con noi 17 milioni di italiani"

Politica

Di Maio: “Contratto quasi pronto, fatto in 6 giorni. Con noi 17 milioni di italiani”

ROMA – “Abbiamo attacchi continui, anche oggi da qualche eurocrate non eletto da nessuno.  Non c’e’ un solo giornale che non ci abbia attaccato. Oggi il Financial Times dice “arrivano i nuovi barbari”. Ma come vi permettete?” sbotta Luigi Di Maio in un video pubblicato su facebook. “Il M5s e’ stato votato da 11 milioni di persone. Se questo governo si fara’, avra’ 17 milioni di persone che lo hanno votato”, aggiunge.

“CERTO ESTABLISHMENT HA PAURA, E’ NOSTRO NEMICO”

“Piu’ ci attaccano e piu’ sono motivato. Perche’ vedo un certo establishment che ha paura del cambiamento. Ma chi ha paura del cambiamento e’ nostro nemico. Da una parte c’e’ il coraggio e dall’altra c’e’ la paura. Questo e’ il momento del coraggio”.

“MOMENTO DI CAPIRE SE ANDARE FINO IN FONDO, IL M5S C’E'”

“Se ci riusciamo sara’ una bomba, ma in senso positivo. Se ci riusciamo abbiamo la grande occasione di cambiare tutto. Ma e’ un momento per coraggiosi, non per cuori deboli. Chi ha coraggio ci dia una mano”.  “E’ il momento di capire se vogliamo andare fino in fondo. Il M5s c’e'”.

“SABATO E DOMENICA NELLE PIAZZE, AGGIORNIAMO SUL CONTRATTO”

“Questo sabato e questa domenica ci vediamo nelle piazze perche’ vi aggiorneremo su tutti i punti del contratto. Possiamo fare un buon lavoro. Una rivoluzione gentile, quella di cui abbiamo parlato in tutti questi anni”.

“CONTRATTO E NON ALLEANZA, DEGLI ALTRI NON CI FIDIAMO”

“Non e’ un’alleanza. E’ un contratto. E tanti esperti di politica, tanti opinionisti se ne facciano una ragione. Per noi il contratto di programma e’ una cosa seria e lo stiamo costruendo in sei giorni. Noi abbiamo quasi concluso questo lavoro in sei giorni In Germania ci hanno messo sei mesi”.

“Il nostro obiettivo in questa legislatura e’ di portare a casa risultati per i cittadini italiani”. “Ci hanno votato 11 milioni di italiani, siamo la prima forza di respiro nazionale. Abbiamo molti problemi della gente da risolvere. Siamo sempre stati una forza politica che correva da sola e lo abbiamo sempre fatto. Noi abbiamo sempre proposto il contratto e non un’alleanza perche’ noi degli altri non ci siamo mai fidati. Il contratto possiamo rivendicarlo anche nel momento in cui non ci fossero piu’ i presupposti per andare avanti insieme”.

Leggi anche

M5S-Lega, riparte il tavolo tecnico. Salvini: “Servirà fortuna”

Governo, la verità di Sapelli: “Mia candidatura bloccata da Bruxelles”

Ti potrebbe interessare:

15 maggio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»