Elezioni, Fico a Renzi: “M5S non ha copiato programma, il nostro è minuzioso”

NAPOLI – Per Roberto Fico, deputato M5S, “non e’ vero” che il Movimento 5 Stelle ha copiato il suo programma elettorale. Cosi’ il presidente della Commissione di Vigilanza Rai, nel corso di un’intervista all’agenzia Dire.

Oggi quello del M5S e’ un programma ancora piu’ evoluto ed aggiornato

 “Le parole di Renzi lasciano il tempo che trovano – risponde Fico -. Il Movimento 5 Stelle ha scritto il suo primo programma tanti anni fa con i cittadini che in rete avanzarono proposte su energia, acqua e gestione dei rifiuti”. Oggi quello del M5S “e’ un programma ancora piu’ evoluto ed aggiornato. Penso che siamo gli unici ad aver presentato un programma cosi’ colmo di minuzie”.

 

M5S unico argine all’asse Renzi-Berlusconi

“Piu’ alta sara’ la percentuale del Movimento 5 Stelle, meno possibilita’ ci saranno per un accordo tra il Pd e Forza Italia. Noi vogliamo ottenere la maggioranza ma, in ogni caso, con un voto alto al M5S e un margine ampio, loro non potranno piu’ allearsi”, ha aggiunto il presidente della Commissione di Vigilanza Rai, Roberto Fico, candidato per il Movimento 5 Stelle in Campania. 

L’asse Pd-Forza Italia e’ dissimile da quello tedesco di Cdu-Csu e Spd

“Quel Paese ha un’altra storia, la loro legge elettorale e’ nella Costituzione e il popolo tedesco sa bene a che cosa aspettarsi da un voto. Le nostre leggi elettorali cambiano di continuo e sono incostituzionali”. Ma la priorita’ del Movimento 5 Stelle non e’ certo cambiare la legge elettorale: “sSe andiamo al governo – ha sottolineato il presidente della Commissione di vigilanza Rai – vuol dire che abbiamo avuto la maggioranza del Paese e questo significa fare il reddito di cittadinanza, dare incentivi alle energie rinnovabili, significa sburocratizzare il Paese da leggi assurde. Poi, siccome questa e’ una legge elettorale non di certo buona, negli anni cambieremo anche la legge elettorale insieme al parlamento alle forze politiche”.

Spesso i telegiornali, e soprattutto il Tg1, fanno piu’ campagna elettorale pro governo che altro

“In questo momento cio’ che contesto in maniera profonda e forte al servizio pubblico e a tutte le televisioni in genere e’ che non si sta dando spazio alle forze minori, nonostante siano riuscite a raccogliere le firme e siano in corsa per le elezioni. Devono poter avere voce come da delibera della commissione di vigilanza Rai e so che le forze minori stanno manifestando per vedersi riconoscere un diritto che gli spetta”.

 “La delibera della commissione sulla par condicio sta avendo i suoi effetti ma e’ l’Agcom che puo’ controllare, sanzionare o raccomandare le reti a fare bene il proprio lavoro”. Sullo spazio dedicato agli esponenti del M5S, Fico avverte: “spesso i telegiornali, e soprattutto il Tg1, fanno piu’ campagna elettorale pro governo che altro”. 

8 Feb 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»