Your monthly usage limit has been reached. Please upgrade your Subscription Plan.

Italia
°C

“Migranti, sulla Nave Gregoretti le autorità italiane violano ancora la legge”

L'appello di Riccardo Magi a Matteo Salvini: "Metta fine all'ennesima violazione della legge italiana"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ancora una volta le autorità italiane trattengono a bordo dei naufraghi violando così la legge italiana, che le obbligherebbe a condurli rapidamente negli appositi centri anche per le operazioni di identificazione e per l’eventuale richiesta di protezione internazionale”, lo afferma Riccardo Magi, deputato radicale di +Europa.

“L’art. 10-ter del TU sull’immigrazione, lo stesso su cui è intervenuto il decreto sicurezza bis, è chiarissimo sul punto: lo straniero rintracciato in occasione dell’attraversamento irregolare della frontiera interna o esterna ovvero giunto nel territorio nazionale a seguito di operazioni di salvataggio in mare è condotto per le esigenze di soccorso e di prima assistenza presso appositi punti di crisi (i cd. hotspot), presso i quali sono effettuate le operazioni di rilevamento foto-dattiloscopico e segnaletico (anche ai fini del rispetto della normativa europea), ed è assicurata l’informazione sulla procedura di protezione internazionale, sul programma di ricollocazione in altri Stati membri dell’Unione europea e sulla possibilità di ricorso al rimpatrio volontario assistito”, continua Magi.

“Il Ministro Salvini- conclude- metta fine all’ennesima violazione della legge italiana oltre che delle convenzioni internazionali”.

LEGGI ANCHE: Salvini dice no allo sbarco di 135 migranti a bordo di una nave della Guarda Costiera

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»