1 Maggio, Furlan (Cisl): “Ora lavoro in sicurezza per far ripartire il paese”

"Vivremo con forza il primo maggio, con l'obiettivo di mettere tutti insieme il lavoro come priorita' per far ripartire il paese"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Un primo maggio davvero particolare quello di quest’anno, non possiamo stare assieme nei cortei e nelle tante manifestazioni a cui siamo abituati, ma sara’ un primo maggio fortemente sentito“. Lo sottolinea la leader della Cisl, Anna Maria Furlan, in vista della Festa dei lavoratori.

LEGGI ANCHE:

La sindacalista in un video spiega: “Utilizzeremo gli strumenti tecnologici che fortunatamente possiamo utilizzare ma lo faremo innanzitutto raccordandoci col pensiero e con il cuore. Anche in questo lungo periodo che ci ha visto bloccati tanti uomini e tante donne hanno continuato a lavorare, in modo particolare nel sistema sanitario, in tante attivita’ produttive e servizi che sono state a sostegno della vita dei cittadini e delle cittadine, spesso anche rischiando la loro vita”.

Quindi “a questi lavoratori e a queste lavoratrici un grazie di cuore, dobbiamo essere riconoscenti: se oggi viviamo il primo maggio senza poter stare fisicamente insieme- conclude Furlan- vivremo con forza il primo maggio, con l’obiettivo di mettere tutti insieme il lavoro come priorita’ per far ripartire il paese, un lavoro in sicurezza per tutti, un lavoro che vede ancora tanti invisibili a cui dobbiamo estendere le tutele”.

LEGGI ANCHE:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»