1 Maggio, Barbagallo (Uil): “Prova difficile, ora sconfiggere il liberismo”

Il segretario della Uil Carmelo Barbagallo intervistato dall'Agenzia Dire
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Questo 1 Maggio e’ una prova difficile, senza le piazze, senza piazza San Giovanni con il concerto per i giovani”. Cosi’ il segretario della UIL, Carmelo Barbagallo, in vista del I Maggio.

LEGGI ANCHE:

Interpellato dalla ‘Dire’ il leader sindacale esprime l’auspicio che questo appuntamento possa rappresentare “la possibilita’ della ripresa economica e sociale del paese, dopo aver superato questa pandemia. Dobbiamo fare di tutto- sottolinea Barbagallo– perche’ si riprenda l’economia e si sconfigga per sempre la cultura liberista, sfrenata che ci ha messo in difficolta’”.

Il sindacalista osserva che ci siamo trovati nelle condizioni di “non avere il kit di sicurezza sui luoghi di lavoro, una sanita’ che non sarebbe stata in grado di reagire se non per l’eroismo dei medici e degli infermieri“.

Infine sottolinea il ruolo di “tutte le filiere che sono restate al lavoro, per cercare di dare al nostro paese la possibilita’ di riprenderci quando finira’ la pandemia”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

30 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»