Tg Ambiente, edizione del 30 aprile 2019

https://www.youtube.com/watch?v=HvWkk2ZNzNU&feature=youtu.be PIOVE ED E' BENE PER ITALIA CON 1/3 ACQUA IN MENO Il maltempo darà fastidio ai vacanzieri dei vari ponti festivi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PIOVE ED E’ BENE PER ITALIA CON 1/3 ACQUA IN MENO

Il maltempo darà fastidio ai vacanzieri dei vari ponti festivi ma è una manna sull’Italia rimasta a secco con circa 1/3 di acqua in meno: il primo trimestre del 2019 ha fatto registrare un deficit pluviometrico nazionale pari appunto a quasi il 30%. La situazione peggiore è al Nord dove le precipitazioni sono praticamente dimezzate rispetto alla media storica del periodo. Così Coldiretti sulla base dei dati Isac Cnr. Le precipitazioni sono importanti in questa fase per ripristinare le scorte di neve e acqua sulle montagne, negli invasi, nei laghi, nei fiumi e nei terreni, per gli usi civici e per lo sviluppo primaverile delle coltivazioni. L’acqua infatti aiuta le semine di granoturco, soia, girasole, barbabietole, riso o pomodoro. Per essere di sollievo la pioggia però deve durare a lungo, cadere in maniera costante e non troppo intensa, mentre i forti temporali, soprattutto con precipitazioni violente, provocano danni.

TRIVELLE, COSTA FERMA 8 NUOVI POZZI CANALE SICILIA

“Con decreto ministeriale abbiamo fermato otto nuovi pozzi petroliferi davanti alla piattaforma Vega, la più grande piattaforma offshore del Mediterraneo. La commissione Via Vas ha ritenuto che non rispettasse le garanzie ambientali e io ho firmato il relativo decreto che ferma i progetti”. Sergio Costa, ministro dell’Ambiente, lo annuncia proprio in Sicilia, a Milazzo. “Servono piccoli passi che seguono una visione coerente e precisa. Così si raggiungono gli obiettivi”, commenta Costa. Inoltre, aggiunge, “ho già firmato il decreto ministeriale affinché la raffineria di Milazzo, come gli altri impianti simili, adotti le migliori tecnologie esistenti. In questa maniera le emissioni saranno sensibilmente ridotte, si stima del 50%”.

ENI, CDP, FINCANTIERI E TERNA PER ENERGIA DA ONDE

Eni, Cassa Depositi e Prestiti, Fincantieri e Terna insieme per lo sviluppo di impianti per la produzione di energia da moto ondoso su scala industriale. Le tre società hanno firmato un accordo non vincolante per lo sviluppo e la realizzazione su scala industriale di impianti di produzione di energia dalle onde del mare. Lo scopo è unire le competenze di ciascuna società per trasformare il progetto pilota Inertial sea wave energy converter, l’innovativo sistema di produzione di energia dal moto ondoso installato da Eni nell’offshore di Ravenna e attualmente in produzione, in un progetto realizzabile su scala industriale e quindi di immediata applicazione e utilizzo. Eni metterà a disposizione del gruppo di lavoro congiunto i risultati dell’impianto pilota, Cdp promuoverà il progetto con le pubbliche amministrazioni e le istituzioni coinvolte, Fincantieri offrirà le proprie competenze industriali e tecniche tipiche delle realizzazioni navali, Terna contribuirà a sviluppare gli studi relativi alle migliori modalità di connessione e integrazione.

SALVINI CONTRO AMBIENTALISTI E PARCHI BLOCCA-TUTTO

Matteo Salvini, al solito a tutto campo, invade di nuovo le aree di competenza dei colleghi, anche l’ambiente. Alla fine del suo comizio a Motta Sant’Anastasìa a Catania, dalla piazza si leva un grido: “Costa ci vuole bloccare tre province siciliane” con i parchi naturali. Il ministro dell’Interno raccoglie la sollecitazione e si scaglia contro “il famoso ambientalismo da salotto di chi sta a Milano, a Roma e a Catania e non ha mai visto un bosco o un’azienda agricola”. E agli astanti che chiedono un intervento promette: “una cosa alla volta”. La difesa dell’ambiente “è fondamentale perché l’aria che si respira e l’acqua che si beve sono fondamentali- argomenta Salvini- però si deve fare in maniera intelligente, perché se non curi i boschi, se non pulisci i fiumi e i torrenti, se non tagli le piante, se non controlli che gli animali vivano in maniera e numero equilibrato, se metti lì il parco che poi ti impedisce di toccare la tegola o potare il cespuglietto, fai il danno dell’ambiente, non lo difendi ma lo distruggi”.

EARTH DAY, ROMA DIVENTA CAPITALE SOSTENIBILITÀ

Incontri, convegni, djset, concerti. Roma capitale della sostenibilità con il Villaggio per la Terra, il format ideato da Earth Day Italia e realizzato in collaborazione con Movimento dei Focolari di Roma, Agenzie delle Nazioni Unite, il ministero dell’Istruzione, università e ricerca e dell’Ambiente per la promozione di una sensibilità civile ed ambientale nel contesto delle celebrazioni nazionali dell’Earth Day. Location simboliche e suggestive della manifestazione sono la Terrazza del Pincio e il galoppatoio di Villa Borghese a Roma. Earth Day Italia è il main partner italiano dell’Earth Day Network e uno dei più attivi a livello internazionale e dal 2007 celebra l’Earth Day, la Giornata Mondiale della Terra, nel nostro Paese, lavorando per promuovere la formazione di una nuova coscienza ambientale attraverso una rete di dialogo tra i tanti soggetti che si occupano della salvaguardia del Pianeta.

:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»