Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Zaia: “Se il Governo ha personale ce lo dia. A caval donato…”

luca zaia
Al contrario di quel che aveva dichiarato nelle scorse settimane, ora il governatore del Veneto intende accettare l'eventuale invio di personale da parte dell'esecutivo per sostenere la campagna vaccinale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – Il Veneto intende accettare l’eventuale personale inviato dal Governo per sostenere la campagna vaccinale. Lo chiarisce il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, che nelle scorse settimane aveva invece sostenuto che il Veneto non avesse al momento necessità di personale aggiuntivo, bensì di dosi di vaccino. Ora la richiesta di dosi di vaccino e di certezze in merito alle consegne viene ribadita, ma la posizione in merito al personale è diversa. Ieri, durante l’incontro con il Governo e il presidente del Consiglio Mario Draghi, Zaia ha infatti chiesto anche personale. “Ci hanno sempre promesso personale, abbiamo detto che se lo hanno ce lo diano“, afferma Zaia. “A caval donato non si guarda in bocca”.

“SI TORNI A ZONE GIALLE E BIANCHE, SERVE EQUILIBRIO”

Tornare a prevedere anche zone gialle e bianche, oltre a quelle rosse e arancioni. Questa la principale richiesta avanzata dalla Regione Veneto in merito al nuovo dpcm che entrerà in vigore il 7 aprile, ieri durante l’incontro con il Governo e il presidente del Consiglio Mario Draghi. “Non faccio l’aperturista, ma ci sono scelte da fare”, afferma il presidente della Regione Veneto Luca Zaia. Le scelte “devono avere l’avvallo del Cts ma non possiamo pensare che la scelta sia unidirezionale, ci vuole una situazione di equilibrio“, continua Zaia chiedendo che il confronto sia scritto “a quattro mani” e assicurando che “le Regioni sono a disposizione” per un confronto nei giorni che separano dall’approvazione del nuovo provvedimento. “Se uno vuol fare demagogia basta dire ‘apriamo, apriamo, apriamo’, ma questo non sarebbe corretto. Corretto è invece trovare l’equilibrio”, conclude Zaia.

LEGGI ANCHE: Zaia: “Se la Campania può acquistare vaccini allora valga per tutti”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»