Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Accordo per i richiami del vaccino tra Lombardia e Liguria, inviata bozza a Figliuolo

FONTANA HA VISITATO IL NUOVO HUB DI PALAZZO SCINTILLE A MILANO
Il governatore Fontana spiega di aver sentito il collega Toti per accordarsi sulle seconde dosi a chi si trova in vacanza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Marialaura Iazzetti

MILANO – “Stiamo facendo le valutazioni, abbiamo trasmesso la bozza di quello che potrebbe essere un accordo al commissario Francesco Paolo Figliuolo“. A dirlo a margine della presentazione della mostra sui 60 anni del Pirellone è il governatore della Regione, Attilio Fontana, parlando del possibile accordo tra Lombardia e Liguria per le vaccinazioni in vacanza. Ieri sera infatti, Fontana ha ricevuto la chiamata del governatore Giovanni Toti.

La Liguria ha già stretto un’intesa con il Piemonte per garantire le somministrazioni delle seconde dosi ai cittadini delle due regioni che trascorrono almeno 14 giorni di vacanza sui reciproci territori. Si può ipotizzare, quindi, che l’accordo in fase di stesura con la Lombardia sia simile a quello già avviato in Piemonte. In qualsiasi caso, secondo Fontana bisogna procedere “con calma” anche “per cercare di capire quanti saranno i vaccini disponibili e quando verranno distribuiti“.

LEGGI ANCHE: Covid Lombardia, Fontana rassicura: “Variante Delta cala questo mese”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»