hamburger menu

In Italia 95% contagi da variante Omicron. Incidenza e rt diminuiscono, ma circolazione ancora alta

Gianni Rezza, direttore generale della prevenzione del ministero della Salute, commenta i dati della cabina di regia

coronavirus

ROMA – “Dopo una lunga fase di ascesa, il tasso di incidenza tende ora a diminuire leggermente, con 1823 casi per 100mila abitanti e un Rt che mostra una tendenza alla diminuzione e si attesta a 0,97, sotto l’unità. I tassi di occupazione in area medica e in terapia intensiva sono rispettivamente al 30,4% e al 16,7%, ancora piuttosto elevati quindi, ma c’è una leggera flessione soprattutto nei reparti di terapia intensiva”. É Gianni Rezza, direttore generale della prevenzione del ministero della Salute, a dare il quadro dell’epidemia da Covid-19 secondo i dati della cabina di regia del ministero.

“La variante Omicron è ormai prevalente in più del 95% dei casi nel nostro Paese– spiega Rezza- ma si rileva anche la Omicron2 che però non differisce molto dalle caratteristiche di Omicron”. I segnali di miglioramento ci sono, ma come sottolinea il direttore generale, “la circolazione virale è ancora molto elevata e si raccomandano comportamenti prudenti, auto-sorveglianza e richiami vaccinali”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-01-28T18:28:07+02:00