Scritta antisemita a Torino, Appendino: “Affogate nella vostra ignoranza”

Ieri, nel Giorno della Memoria, è comparsa una scritta terribile sui muri di un palazzo a Torino
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TORINO – “Settantacinque anni fa finiva l’orrore dello sterminio ebraico. Oggi, esattamente nella stessa data, un muro della nostra città viene sfregiato da scritte antisemite. Ma sapete qual è la differenza? Che la storia si ripete due volte, la prima in tragedia, la seconda in farsa. E mentre la città cancellerà quelle scritte, voi continuerete ad affogare nella vostra ignoranza e nel vostro anonimato. Finché le Forze dell’Ordine non vi troveranno, s’intende”. Lo scrive su facebook Chiara Appendino, sindaca di Torino commentando l’orrenda scritta apparsa ieri (proprio nel Giorno della Memoria) sui muri di un palazzo di corso Casale: “Crepa sporca ebrea” è toccato leggere a una donna di origini ebree, figlia di una staffetta partigiana, che vive nel palazzo. La donna ha fatto denuncia in Questura.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Mattarella: “Mai abbassare la guardia su antisemitismo e fascismo. Segre testimone preziosa”

Nella giornata di ieri si sono purtroppo registrati anche insulti razziali sui social contro Liliana Segre. Invettive, arrivate via Twitter da un account fittizio (ispirato al medico nazista Carl Clauberg), anche nei confronti del direttore di Repubblica Carlo Verdelli e del giornalista Paolo Berizzi.

LEGGI ANCHE: Il dolore di Liliana Segre: “Temo che, morti tutti i testimoni, i negazionisti vincano”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

28 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»