NEWS:

Tajani: “Sbagliato fare il processo alle forze dell’ordine, sono figli del popolo spesso attaccati da radical chic”

Dopo il brutto episodio di Torino, Tajani si schiera a fianco della Polizia: "Togliere la solidarietà e fare il processo alle forze del ordine è un grave errore. Spesso quelli che li attaccano sono figli di papà radical chic, violenti che non hanno nessun rispetto della legge"

Pubblicato:29-02-2024 10:27
Ultimo aggiornamento:29-02-2024 12:09
Autore:

tajani due popoli due stati
FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

ROMA – “Forza Italia rimane a forte sostegno delle forze dell’ordine, se qualcuno ha sbagliato deve essere sanzionato giustamente ma non si può fare di tutta l’erba un fascio. Sono figli del popolo e spesso quelli che li attaccano sono figli di papà radical chic, violenti che non hanno nessun rispetto della legge, dell’autorità e dello Stato. Abbiamo visto quello che hanno fatto ieri gli anarchici a Torino, sono veramente veramente indignato per quello che è accaduto per quello che è accaduto, e il capo dello Stato ieri ha fatto bene a solidarizzare con i due agenti aggrediti”. Lo ha detto il vicepremier e ministro degli Esteri, Antonio Tajani, arrivando al convegno ‘Indipendenza energetica dal 2050. La parola alle imprese: come riuscirci’, presso la Sala della Regina della Camera dei deputati.

LEGGI ANCHE: Auto della Polizia assaltata da anarchici a Torino, Piantedosi: “Clima avvelenato”. E Meloni attacca Mattarella

“Dobbiamo ricordare quello che rischiano ogni giorno poliziotti, carabinieri, finanzieri, agenti della Polizia penitenziaria e anche della Polizia locale- ha sottolineato Tajani-. Sono persone che guadagnano poco che rischiano la pelle tutti i giorni, non è facile stare in giro giorno e notte per garantire la sicurezza”. Per il ministro “togliere loro la solidarietà e fare il processo alle forze del ordine è un grave errore, la sinistra ha provato a farlo ma non si può pensare che l’errore di qualcuno, se verrà accertato, possa essere imputato a centinaia di migliaia di donne uomini che indossano indossano un uniforme”.


Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it