Inchiesta su Open, indagato Carrai. Renzi: “Trecento finanzieri a perquisire famiglie per bene, mai successo”

L'ex presidente del Consiglio: "Sono molto dispiaciuto che queste persone subiscano la gogna mediatica pur avendo seguito le regole con la massima trasparenza"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – È ancora bufera su Open, la fondazione che organizzava la Leopolda. Marco Carrai, imprenditore e amico di infanzia di Matteo Renzi, risulta indagato. Le accuse sono di aver usato i fondi di Open per finanziare le attività politiche dell’ex presidente del Consiglio. 

LEGGI ANCHE: Bufera su Open, Renzi: “Sono gli stessi pm che sbagliarono l’arresto dei miei genitori”

“Open era una fondazione, non un partito. Sostenere il contrario per mandare 300 finanzieri a perquisire all’alba famiglie per bene, non indagate, colpevoli solo di aver finanziato in modo trasparente la politica, è sorprendente. E non era mai accaduto prima nella democrazia”, scrive su twitter Matteo Renzi, leader di Italia viva. “Entrate e Uscite di Open- aggiunge- sono tutte tracciate. Trasparenza al massimo. Magari le altre fondazioni fossero state trasparenti come Open”. E ancora: “Noi abbiamo voluto abrogare finanziamento pubblico a partiti. Con la ‘retata’ di ieri hanno abolito il finanziamento privato a Italia Viva. Quale azienda donerà se rischia perquisizioni? Chiediamo aiuto col crowdfunding http://italiaviva.it/sostieni. Fanno la differenza anche 10 euro”.

“Mi scuso con le persone perbene  perquisite perche’ colpevoli di aver contribuito in modo onesto alla politica- scrive ancora su twitter Matteo Renzi-. Sono molto dispiaciuto che queste persone subiscano la gogna mediatica pur avendo seguito le regole con la massima trasparenza”, che poi aggiunge: “Non perdiamo il sorriso e la voglia di lottare per un’Italia piu’ giusta. Piu’ ci attaccano ingiustamente, piu’ ci rafforzano. Chi vuole abbatterci lo faccia con le idee, non con altri mezzi. Andiamo avanti a testa alta. Viva l’Italia, viva Italia Viva”.

“Se Di Maio vuole una commissione di inchiesta su come si finanzia la politica io ci sto. Mettiamoci dentro Partiti, Fondazioni e Srl vicine al Movimento che ricevono consulenze e collaborazioni da società pubbliche, non solo italiane. La trasparenza vale sempre, no?”, ha poi commentato Renzi.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Novembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»