Il ministero precisa: la scuola in appartamento non è a Scampia

L'esempio era stato citato durante la conferenza stampa Conte-Azzolina
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – L’esempio citato durante la conferenza stampa del presidente del Consiglio Giuseppe Conte e della ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina in merito ad un istituto scolastico di Scampia dove si farebbero lezioni in appartamento non era corretto.
Lo precisano fonti del ministero dell’Istruzione. Si tratta invece- aggiungono dal ministero- di situazioni esistenti, ma in altri territori della stessa provincia, ad alta densità abitativa, e in altre aree del Paese. Una precisazione- sottolineano- dovuta per correttezza nei confronti della comunità scolastica e della municipalità di Scampia.

LEGGI ANCHE: Scuola, Conte: “Basta classi pollaio, non le tolleriamo più”. Azzolina: “Istruzione non aveva mai visto così tanti fondi”

LA PROMESSA DI CONTE

“Io credo che il sistema Italia se ci si mette, anche se il tempo è poco, per organizzare nuovi locali e spazi. Dobbiamo tentare di offrire ai ragazzi del quartiere Scampia una scuola migliore, allontanandoci dall’appartamento e avvicinandoci alle best practice”, aveva detto Conte, in conferenza stampa, rispondendo con una proposta all’esempio negativo di scuola in un appartamento citato da Azzolina.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»