fbpx

Tg Agricoltura, edizione del 27 giugno 2020

– “BUONA” COME QUELLA CAMPANA, MA NON CHIAMATELA BUFALA DOP

Nell’ultimo avamposto a Nord del regno della Mozzarella di Bufala Campana Dop, ai confini della Riserva Naturale della Marcigliana sulla via Salaria, a Roma, l’Azienda Agricola Forno Nuovo, vecchia un secolo e mezzo, dieci anni fa ha abbandonato l’allevamento di Frisone da latte per dedicarsi alle bufale. Un paio d’anni dopo, l’inaugurazione del caseificio per valorizzare il latte, trasformarlo in mozzarella “Bufala Buona” grazie all’esperienza di artigiani selezionati.

– LA CISTERNA ROMANA ‘MACCHINA DEL TEMPO’ DI ANTICHI SAPORI

La ricerca di ricette vecchie di secoli, ritrovate in antichi volumi da biblioteca, normalmente consultati piu da storici e archeologi che da agricoltori. Tradizioni che il tempo per tanti motivi ha spezzato ma che una volta riprese, offrono al palato rare prelibatezze. A questo si dedica Luca Ingengeri, che a Vetralla, sulla via Francigena, guida l’azienda ‘La Cisterna del Marchionato’.

– IL ROMA DOC NELLE TERRE DI VEIO, L’ANTICA CITTA’ ETRUSCA

Dieci ettari di vigne nei terreni agricoli del formellese, in un territorio vocato alla vinicoltura sin da prima dei Romani, dove un tempo sorgeva la città etrusca di Veio. E’ questo il dominio dell’azienda vitivinicola Terre del Veio, nata circa 50 anni fa e rinnovata negli anni 2000.

– PIATTI STELLATI MADE IN LAZIO, A LOCANDA GIRASOLI È GARA SOLIDARIETÀ

Un grande e organizzatissimo viavai, tra tavole imbandite, bottiglie stappate e piatti stellati consegnati ai tanti commensali. La Locanda dei girasoli, il ristorante romano gestito da un gruppo di ragazze e ragazzi con sindrome di Down, è stata teatro di una festa in onore della riapertura dopo 2 mesi di chiusura per l’emergenza sanitaria. A dare una spinta alla ripresa ci hanno pensato Arsial e Regione Lazio con una cena di solidarieta’ a cui hanno partecipato molti consiglieri regionali, insieme al presidente di Arsial, Antonio Rosati, e al vicepresidente della Regione, Daniele Leodori. A preparare il menu, per l’occasione, insieme ai ragazzi c’erano Maurizio e Sandro Serva, i fratelli chef del ristorante a doppia stella Michelin ‘La trota’ in provincia di Rieti, che hanno portato le loro specialita’ alla Locanda.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

27 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»