Coronavirus, tutti con Bergamo. Decaro lancia idea: “Martedì bandiere a mezz’asta”

Tutti i sindaci d'Italia davanti al proprio Comune con la fascia tricolore per un minuto di silenzio: questa l'idea lanciata dal presidente dell'Anci Antonio Decaro
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Martedì 31 alle 12 bandiere a mezz’asta e un minuto di silenzio osservato dai sindaci d’Italia con la fascia tricolore davanti al proprio Comune. Ci uniamo al presidente della Provincia di Bergamo in segno di lutto per le tante vittime dell’epidemia”. Lo propone il presidente dell’Anci Antonio Decaro, sindaco di Bari.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, a Bergamo situazione drammatica: una sepoltura ogni ora

SENSI: TUTTE LE CITTÀ ACCOLGANO APPELLO DECARO, TUTTI CON BERGAMO

“Mi auguro che tutti, tutte le città, tutte le istituzioni condividano l’appello di Antonio Decaro accanto a Bergamo, a Giorgio Gori e a tutta l’Italia che piange i suoi morti e non molla di un centimetro”. Così il deputato del Pd Filippo Sensi.

LEGGI ANCHE:

Roby Facchinetti scrive una canzone per la sua Bergamo: “Rinascerai”

ANCI MARCHE: 31/3 BANDIERE MEZZ’ASTA IN TUTTI COMUNI

Dopo il Comune di Pesaro anche l’Anci Marche raccoglie l’appello del presidente nazionale dei Comuni italiani Antonio Decaro. Il presidente regionale, Maurizio Mangialardi, invita tutti i sindaci marchigiani ad issare nel proprio Municipio le bandiere a mezz’asta martedì 31 marzo.

“Viviamo un momento di grande difficoltà- scrive Mangialardi in una lettera indirizzata ai colleghi- in una situazione di estremo sconforto nel vederci privati anche della possibilità di stringere per l’ultima volta i nostri cari e dare loro una degna sepoltura. Chiedo di esporre le bandiere a mezz’asta martedì 31 marzo a mezzogiorno mentre il sindaco con fascia tricolore osservi un minuto di silenzio davanti al Municipio/Monumento ai caduti a nome di tutta la cittadinanza che sarà chiamata a farlo nella propria abitazione. Il raccoglimento sarà per tutti gli amici e concittadini che abbiamo perso a causa di questa terribile pandemia ed in modo particolare alle famiglie dei defunti a cui arrivi il nostro abbraccio virtuale”.

Bergamo martoriata dal Coronavirus, Gori: “Non siamo in grado di portare tutti in ospedale”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»