Unindustria: “Abbiamo un piano per il rilancio di Roma”

Tortoriello: "Mettiamo a disposizione metodologia per un piano che possa portare Roma, nel 2050, a essere una città a impatto zero e con una qualità della vita migliore in assoluto"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – “Roma non è una Capitale malata. Roma è una Capitale che deve essere ulteriormente valorizzata. Ci sono tante problematiche che vanno risolte: la situazione dei rifiuti, del decoro e di mobilità. Fino a oggi non è mai stata messa in piedi una volontà progettuale per risolvere i problemi in modo efficace ed efficiente, e questo determina una percezione di Roma non positiva”. Per questo motivo Unindustria si è impegnata nello sviluppo di un piano strategico denominato ‘Roma Futura 2030-2050’, un masterplan che coinvolge le imprese per il rilancio della città. E’ quanto ha spiegato Filippo Tortoriello, presidente di Unindustria Roma e Lazio, intervistato dal’agenzia stampa Dire nell’ambito della rubrica DIREzione Roma.

“I servizi che vengono erogati a Roma e la capacità industriale che c’è nella città metropolitana caratterizzano il Pil della regione Lazio per l’82% e questo dimostra l’effervescenza del nostro tessuto- spiega- La Capitale ha dei poli di eccellenza che competono a livello internazionale: l’aerospaziale, l’ICT (Tecnologie dell’informazione e della comunicazione) e il farmaceutico. Noi mettiamo a disposizione- ha proseguito Filippo Tortoriello- delle idee e delle proposte, una metodologia per la realizzazione di un piano che possa portare Roma, nel 2050, a essere una città a impatto zero e con una qualità della vita migliore in assoluto. L’importante è partire e nel momento in cui si parte si traccia lo scenario per il futuro. La stasi è l’elemento di negatività”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

26 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»