Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Dopo il caso di Aurora Leone la proposta da Potenza: “Una partita tra amministratrici lucane”

calcio femminile
Una risposta al caso della Nazionale Cantanti, alle "incomprensibili e retrograde affermazioni del direttore Gianluca Pecchini"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – Una partita di calcio al femminile. È la proposta della consigliera comunale della città di Potenza, Angela Blasi (Insieme per Bianca) e dell’assessora allo Sport, istruzione e cultura del Comune di Picerno, Carmela Marino, alle amministratrici e alle consigliere comunali della Basilicata. Una risposta al caso della Nazionale Cantanti, alle “incomprensibili e retrograde affermazioni del direttore Gianluca Pecchini – si legge in una nota stampa – nei confronti di Aurora Leone, che non fanno altro che sottolineare l’importanza di una vera rieducazione al valore della differenza. Noi donne non ci arrendiamo e occuperemo sempre tutti gli spazi che ci spettano senza temere reazioni che non fanno onore a una società che si ritenga civile”. L’invito è a non privarsi di “confronti costruttivi, nemmeno sui campi di calcio”.

Blasi e Marino ricordano che “la nazionale di calcio, oltre a riportare successi, ha ribadito che le ragazze possono fare ciò che più a loro piace fare e che lo sport è di tutte e tutti. Siamo donne e quindi giochiamo“, concludono. 

LEGGI ANCHE: Partita del Cuore, Aurora Leone dei The Jackal: “Cacciata perché donna”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»