Migranti, Di Maio: “Faremo più di Salvini, non ci vuole molto”. E Conte prepara la “svolta risolutiva”

Il premier e il leader dei 5 Stelle attaccano da New York l'ex alleato di governo dopo l'accordo trovato ieri a Malta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Io rispetto le opinioni di tutti, e’ nel mio dna, ma vorrei rimarcare che in passato tenevamo persone in mare e poi la redistribuzione era affidata alle mie telefonate e a quelle di Moavero. Ritenere che non sia un passo avanti non e’ sostenibile”. Lo dice il premier Giuseppe Conte a New York, in merito alle critiche sollevate da Matteo Salvini sulle intese raggiunte a Malta sul tema dell’immigrazione.

“Presto- aggiunge Conte- ci vedrete ritornare con nuove buone notizie per un sistema di rimpatri molto piu’ efficace a livello europeo. L’Italia sta preparando una svolta risolutiva”.

LEGGI ANCHE: Patto sui migranti, Conte: “Salvini non sia invidioso”

DI MAIO: FAREMO PIÙ DI SALVINI, NON CI VUOLE MOLTO

Sull’immigrazione e i rimpatri “faremo più di Salvini, forse non ci voleva molto”. Lo dice il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, parlando a New York.

Quanto alle accuse di Salvini sul numero degli sbarchi e l’intesa di Malta, Di Maio ricorda che “già con i barchini che sono arrivati fino ad oggi e anche con il precedente governo i migranti vengono redistribuiti”.

Comunque, sottolinea, “non credo questa sia la soluzione definitiva, la soluzione sono accordi di rimpatrio”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»