hamburger menu

I Rabbini contro il Papa: “Ha messo aggressore e aggredito sullo stesso piano”

Il commento è arrivato dopo l'incontro di ieri del Pontefice con una delegazione di palestinesi di Gaza

Pubblicato:23-11-2023 14:09
Ultimo aggiornamento:23-11-2023 14:13
Canale: Politica
Autore:
rabbini contro il papa
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – “Ieri l’incontro del Papa con i parenti degli ostaggi rapiti da Hamas, da tempo richiesto e sempre rinviato, è stato finalmente possibile perché è stato seguito da un incontro con parenti di palestinesi prigionieri in Israele, così come riportato dal Papa, mettendo sullo stesso piano innocenti strappati alle famiglie con persone detenute spesso per atti gravissimi di terrorismo. E subito dopo il Papa ha pubblicamente accusato entrambe le parti di terrorismo”. Lo dichiara in una nota il Consiglio dell’Assemblea dei rabbini d’Italia contrariato per le parole del Pontefice.

“Queste prese di posizione al massimo livello- continua la nota- seguono dichiarazioni problematiche di illustri esponenti della Chiesa in cui o non c’è traccia di una condanna dell’aggressione di Hamas oppure, in nome di una supposta imparzialità, si mettono sullo stesso piano aggressore e aggredito. Ci domandiamo a cosa siano serviti decenni di dialogo ebraico cristiano parlando di amicizia e fratellanza se poi, nella realtà, quando c’è chi prova a sterminare gli ebrei invece di ricevere espressioni di vicinanza e comprensione la risposta è quella delle acrobazie diplomatiche, degli equilibrismi e della gelida equidistanza, che sicuramente è distanza ma non è equa”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2023-11-23T14:13:22+01:00