Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Referendum eutanasia, superato il milione di firme

eutanasia
Il Comitato promotore ha già completato la certificazione della soglia minima richiesta di 500mila firme da presentare in Cassazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sono più di un milione i cittadini e le cittadine italiane che hanno sottoscritto il Referendum Eutanasia Legale, a due settimane dalla consegna delle firme in Corte di Cassazione, prevista l’8 ottobre. L’obiettivo delle 500.000 firme necessarie per il deposito è stato dunque raddoppiato, con 640.621 firme cartacee raccolte ai tavoli in tutta Italia e 372.000 online tramite firma digitale.

Nelle stesse ore il Comitato promotore del referendum ha ufficialmente completato la certificazione della soglia minima richiesta da consegnare in Cassazione per poter indire il referendum: sono infatti 513.540 le firme già corredate di “certificato di iscrizione nelle liste elettorali” e dunque pronte per il deposito (311.540 cartacee e 202.000 digitali). Il lavoro per la certificazione delle altre firme raccolte continua fino alla data del deposito.

LEGGI ANCHE: Papa Francesco: “L’eutanasia è un segno della cultura ‘usa e getta’ occidentale”

“Un risultato straordinario che arriva esattamente quindici anni dopo la lettera di Piergiorgio Welby al presidente Giorgio Napolitano per chiedere l’eutanasia”, ha dichiarato Filomena Gallo, segretaria dell’Associazione Luca Coscioni. “Era il 23 settembre 2006 e l’allora Presidente della Repubblica – ha ricordato Gallo – rispose augurandosi che il tema fosse affrontato nelle sedi più idonee, aggiungendo ‘che il solo atteggiamento ingiustificabile sarebbe il silenzio, la sospensione o l’elusione di ogni responsabile chiarimento’. Ebbene da quel momento il Parlamento non è riuscito a riunirsi neppure un momento per discuterne“, conclude la segretari dell’associazione.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»