VIDEO | Ambiente, Anbi: “Da noi progetti da 11 miliardi e 54mila nuovi posti di lavoro”

Lo dichiara Francesco Vincenzi, presidente Anbi (Associazione nazionale bonifiche irrigazioni miglioramenti fondiari), intervistato dall'Agenzia Dire
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
ROMA – “La transizione ecologica dovra’ essere un elemento distintivo per l’Europa nei prossimi anni. Lockdown e virus ci hanno dimostrato che una soluzione per uscire dalla crisi sara’ progettare opere pubbliche“. Lo dice Francesco Vincenzi, presidente Anbi (Associazione nazionale bonifiche irrigazioni miglioramenti fondiari), intervistato dall’Agenzia Dire. Per questo Anbi ha stabilito un piano per “oltre 11 miliardi di euro tra progetti esecutivi e cantierabili, per mettere in sicurezza il territorio, avere piu’ acqua e dunque piu’ cibo, favorire il made in Italy e l’occupazione con 54mila nuovi posti di lavoro. Se il Paese finanza questi progetti acceleriamo l’uscita dalla crisi”. Secondo Vincenzi “e’ dall’agricoltura che ripartira’ l’Italia. Siamo un Paese meditteraneo che ha bisogno di acqua, di acqua di qualita’ e della giusta quantita’. Alla politica chiediamo di investire bene e nei tempi giusti le risorse in arrivo dall’Europa, piu’ attenzione alle esigenze dei cittadini e ai cambiamenti climatici. Non bisogna pensare solo alla campagna elettorale del giorno dopo, ma avere un piano strategico che duri negli anni in modo da cambiare il modello di sviluppo non piu’ basato sul consumo dei territori ma sulla valorizzazione della loro bellezza”, termina Vincenzi.

ANBI: “NELL’ULTIMO ANNO GESTITO 1 MLD, ORA I PRIMI CANTIERI”

“Siamo un ente – prosegue Vincenzi – capace di progettare opere straordinarie per la difesa del suolo e per gli impianti irrigui che favoriscono la nostra agricoltura. Siamo tra gli enti pubblici economici piu’ importanti del Paese: tra Fondo sociale di coesione e Piano di sviluppo rurale, nell’ultimo anno, abbiamo avuto un importante riconoscimento avendo incassato oltre un miliardo di risorse. In questi giorni stiamo inaugurando i primi cantieri”. Anbi riunisce “149 consorzi di bonifica e irrigazione che rappresentiamo dalla Valle d’Aosta alla Sicilia– spiega Vincenzi- i compiti si sono evoluti nel corso degli anni, siamo partiti dalla bonifica sanitaria alla necessita’ di dare da mangiare di piu’ ai cittadini. Oggi gestiamo la sicurezza dei territori nelle aree interne e pianeggianti. Il nostro compito principale e’ la manutenzione ordinaria e capillare lungo oltre 220mila km di canali e 754 impianti”, termina.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

23 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»