VIDEO | Ex Ilva, operaio licenziato per post Facebook: “Giorgetti mi ascolti”

Prosegue la protesta di Riccardo Cristello che questa mattina, accompagnato dal regista e dallo staff della fiction tv 'Svegliati Amore mio era sotto la sede del ministero dello Sviluppo Economico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La settimana scorsa ho incontrato il ministro del Lavoro Orlando, oggi sono qui per incontrare il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti. Voglio capire le ragioni del mio licenziamento”. Prosegue la protesta di Riccardo Cristello, il dipendente Arcelor Mittal, ex Ilva, licenziato per aver pubblicato su Facebook un post in cui invitava a seguire la fiction tv ‘Svegliati Amore mio’ che faceva eco alla situazione ambientale su Taranto e la nota fabbrica. Questa mattina, accompagnato dal regista e dallo staff della fiction, Riccardo era sotto la sede del ministero dello Sviluppo Economico.

LEGGI ANCHE: Ex ilva, operaio licenziato dopo invito a vedere fiction di Canale 5

Ho perso il posto di lavoro per aver pubblicato sulla mia pagina Facebook un post copiato e incollato da una catena Whatsapp– racconta- La mia azienda l’ha ritenuta offensivo e lesivo nei suoi confronti, anche se nel post incriminato non c’è alcun riferimento a persone, cose o aziende. Per loro però era troppo, prima mi hanno inviato un provvedimento disciplinare con la sospensione dal lavoro e dopo una settimana la lettera di licenziamento”. Ora che Invitalia, società dello Stato, si è alleata con Arcelor Mittal, Riccardo chiede di poter incontrare anche le Istituzioni.

LEGGI ANCHE: Operaio dell’ex Ilva licenziato, Codacons presenta un esposto contro ArcelorMittal

“Dopo Orlando spero di poter incontrare anche Giorgetti. Il problema riguarda me ma tutti i lavoratori, non può passare il concetto che si può essere licenziati per un motivo del genere”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»