Coronavirus, Icardi (Piemonte): “Non prendete d’assalto i pronto soccorso”

L'appello dell'assessore alla Sanità del Piemonte: "Chiamate i medici e il 118 e verranno a farvi il tampone direttamente a casa"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TORINO – “Se avete sintomi riconducibili al virus restate a casa” è l’appello dell’assessore regionale alla Sanità, Luigi Icardi, dopo il primo caso accertato di Coronavirus a Torino. “Non affollate i pronto soccorso– aggiunge l’assessore- Soprattutto nell’eventualità che si sia positivi. Chiamate i medici e il 118 e verranno a farvi il tampone direttamente a casa”.

Per lunedì, la Regione Piemonte fa sapere che acquisterà un nuovo macchinario che permetterà di velocizzare i tempi di diagnosi, che passeranno da 5-6 ore a tre. “Il tampone può essere fatto a domicilio- ricorda anche il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio- Al momento le regioni interessate da casi certi sono quattro, noi siamo la quinta”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, primo caso in Piemonte. La situazione in Italia

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»