Variante inglese Covid, per i tabloid Gran Bretagna ‘è malato d’Europa’

tabloid_variante_inglese (1)
I divieti ai voli per la nuova variante virus dominano le prime pagine
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Brando Ricci

ROMA – La Gran Bretagna ‘malato d’Europa’ che non sta ricevendo ‘alcuna pietà’ da tanti vicini europei, su tutti i francesi, appena al di là del canale della Manica. La maggioranza dei quotidiani del Regno Unito ha dedicato oggi la prima pagina ai divieti di volo per e dalla Gran Bretagna imposti alla luce della diffusione sul territorio inglese di una mutazione del virus Sars-Cov-2, l’agente patogeno all’origine del Covid-19. La nuova variante, secondo gli scienziati, potrebbe essere fino al 70 per cento piu’ contagiosa di quelle conosciute fino ad adesso.

LEGGI ANCHE: Covid, la ‘variante inglese’ arrivata in Italia: “Può aumentare Rt dello 0,5%”

Covid, Ricciardi: “Inglesi hanno taciuto su variante, ora serve lockdown”

Covid, Speranza: “Vaccini sembrano funzionare anche sulla variante inglese”

Per il tabloid Sun, noto per le sue inchieste scandalistiche, la Francia del presidente Emmanuel Macron, “non sta mostrando alcuna pietà” (C’e’ anche un gioco di parole, tra “merci”, come dire nemmeno un “grazie”, e “mercy”, che in inglese vuol dire appunto pieta’). Il blocco imposto da Parigi, secondo il giornale, “alimenta timori” di una possibile interruzione nelle forniture di cibi e merci essenziali. Per il Daily Telegraph, quotidiano con sede a Londra con oltre un secolo di storia, la Gran Bretagna e’ “il malato d’Europa”. Una definizione, questa, corredata dalla foto del primo ministro Boris Johnson con un cappello con l'”Union Jack”, la bandiera del Regno. Scenario inquietante anche quello suggerito dal Daily Mail, testata inglese piu’ letta al mondo nella versione online: “Il peggior Natale”, si legge in prima pagina. Il Consiglio europeo ha convocato per oggi una riunione di emergenza per discutere di una risposta coordinata a livello europeo alla diffusione di questa variante inglese del nuovo coronavirus.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»