Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Cartabia: “Nel carcere di Santa Maria Capua Vetere violenza a freddo, non reazione a rivolta”

MARTA_CARTABIA
"Ci sono 75 sospensioni, indagini ancora in corso"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Per i fatti avvenuti nella casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere ci sono “indagati a vario titolo con accuse gravi”. Lo dice la ministra della Giustizia Marta Cartabia, alla Camera sui fatti avvenuti nella casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere. La violenza contro i detenuti “risulta non fosse una reazione a una rivolta ma una violenza a freddo“, conclude.

LEGGI ANCHE: Draghi al carcere di Santa Maria Capua Vetere: “Non c’è giustizia dove c’è abuso”

Torture e maltrattamenti nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, il racconto di un detenuto

Violenze in carcere, la direttrice: “Santa Maria Capua Vetere non è questo”

CARTABIA: “FATTI GRAVI, USO INSENSATO E SMISURATO DELLA FORZA

L’informativa alla Camera offre la “possibilità di condividere non solo una ricostruzione dei fatti ma una serie di linee di intervento per agire sulla cause profonde che non hanno impedito fatti così gravi” con un “uso così smisurato e insensato della forza”, che è la “spia di qualcosa che non va”.

CARTABIA: “75 PERSONE SOSPESE, INDAGINI ANCORA IN CORSO

“Ci sono 75 sospensioni poi altri indagati per i quali non c’è la certezza della loro presenza, le indagini sono ancora in corso per cui è prematuro trarre conseguenze sulle persone coinvolte”.  Per la ministra della Giustizia serve “una indagine ampia perché si conosca quello che è successo in tutte le carceri nell’ultimo anno dove la pandemia ha esasperato tutti”.

CARTABIA: “SITUAZIONE INSOPPORTABILE, A CAPUA VETERE NIENTE ACQUA CORRENTE

“I mali del carcere, perché non si ripetano episodi di violenza, richiedono strutture materiali, personale e formazione. Dobbiamo rimediare al fatto che le condizioni sono così peggiorate che il lavoro e le condizione di vita dei detenuti diventano insopportabili”, prosegue Cartabia. Nel carcere campano, osserva, “quel giorno la temperatura era insopportabile e non c’è acqua corrente: ci sono pozzi e l’acqua viene distribuita con le taniche“. 

CARTABIA: “IN ARRIVO NUOVI 8 PADIGLIONI, UNO A S. M. CAPUA VETERE

“Per quanto riguarda l’edilizia, nell’ambito dei fondi complementari al PNRR, è stata prevista la realizzazione di 8 nuovi padiglioni“. Lo dice la ministra della Giustizia Marta Cartabia, alla Camera, spiegando che tra gli istituti sui quali dovranno insistere le nuove costruzioni, c’è anche Santa Maria Capua Vetere, “insieme a Rovigo, Vigevano, Viterbo, Civitavecchia, Perugia, Ferrara e Reggio Calabria”. La ministra sottolinea che l’intervento di ampliamento nel caso di S. Maria Capua Vetere “è previsto in un’area verde non attrezzata e fino ad ora non utilizzata. È un ampliamento che riguarda tanto i posti disponibili, le camere, quanto gli spazi trattamentali: questo è un aspetto su cui abbiamo corretto precedenti progetti. Nuove carceri, nuovi spazi, che ci saranno, voglio dire anche a chi li invoca, non può significare solo posti letto”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»