Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Violenze in carcere, la direttrice: “Santa Maria Capua Vetere non è questo”

"Sono stata assente per tre mesi per problemi di salute gravi. Penso che quelle immagini abbiano ferito e turbato tutti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

SANTA MARIA CAPUA VETERE (CASERTA) – “Penso che quelle immagini abbiano ferito e turbato tutti”. Lo dice la direttrice del carcere di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) Elisabetta Palmieri prima dell’arrivo di Matteo Salvini nel penitenziario. La direttrice precisa che il 6 aprile 2020, giorno delle violenze, non era nella struttura. “Sono stata assente per tre mesi – spiega – per problemi di salute gravi. Ed è da denunciare chi ha detto una cosa diversa. Io ero assolutamente assente”.

LEGGI ANCHE: Violenze in carcere, Salvini: “Conosco accusati, non hanno fatto nulla di male”. Cartabia: “Oltraggiata divisa”

Palmieri ricorda che il giorno precedente ai fatti “c’era stata comunque una protesta molto molto forte da parte dei detenuti avuta la notizia del primo caso Covid qui a Santa Maria. I detenuti avevano protestato, si erano impossessati di alcune sezioni e si erano anche barricati all’interno delle sezioni. Ma non si può rispondere con la violenza. Non sono giustificate quelle immagini e sono agghiaccianti, però va anche detto che i poliziotti sono stati sottoposti a quel periodo veramente a turni pesanti, anche massacranti”. Nel carcere era stata prevista una “perquisizione straordinaria rispetto a quanto era accaduto il giorno precedente”, aggiunge, spiegando di non sapere delle prove falsificate e che non le risulta. “Santa Maria – dice – non è questo, non sono queste immagini. Da quando io sono qua, e anche precedentemente, non è stato mai torto un capello a nessuno”. 

LEGGI ANCHE: Torture e maltrattamenti nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, il racconto di un detenuto

SAPPE (SINDACATO POLIZIA PENITENZIARIA): “SITUAZIONE È SFUGGITA DI MANO

“La situazione è sfuggita di mano”. Lo dice Emilio Fattorello, segretario del sindacato di polizia penitenziaria Sappe intervenuto fuori al carcere di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) dove a momenti è atteso il segretario della Lega Matteo Salvini. “Reagiamo alla gogna mediatica – aggiunge -. Prendiamo le distanze da quelle immagini, lì vediamo la frustrazione della polizia penitenziaria ma la situazione é tecnicamente sfuggita di mano. Non è l’unica perquisizione del genere. Tecnicamente qui è sfuggita di mano la situazione, come Bolzaneto”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»