VIDEO | Rifiuti, De Luca: “Parte oggi secondo capitolo rimozione ecoballe”

Lo dichiara il governatore campano alla presentazione del nuovo impianto per il trattamento dei rifiuti stoccati in balle all'interno dello STIR di Caivano
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
NAPOLI – “Avevamo previsto da un mese l’arrivo degli amici di A2A perche’ partivano i lavori di Caivano, i cantieri si aprono nella regione Campania sulla base dei programmi della Regione, non della politica politicante. Oggi parte il secondo capitolo di rimozione delle ecoballe. Abbiamo accumulato 4,5 milioni di tonnellate di ecoballe e non c’e’ mai stato un piano per rimuoverle. Voi ricordate un piano definito? Non e’ mai esistito. È esistito da quando abbiamo strappato al governo nazionale mezzo miliardo di euro per risolvere questo problema che e’ di proporzioni bibliche”. Cosi’ il governatore campano Vincenzo De Luca a margine di una conferenza stampa a palazzo Santa Lucia per la presentazione del nuovo impianto per il trattamento dei rifiuti stoccati in balle all’interno dello STIR di Caivano. LEGGI ANCHE: VIDEO | Rifiuti, De Luca: “In un anno e mezzo Campania libera dalle ecoballe” “Abbiamo gia’ rimosso 7-800mila tonnellate di ecoballe. Oggi – aggiunge – parte il secondo capitolo cioe’ un terzo di ecoballe viene rilavorato per la produzione di combustibile secondario solido, lavorazioni a freddo, rimane un terzo blocco di ecoballe che sara’ sottoposto a una nuova tritovagliatura, recuperiamo altro materiale di riciclo, e poi il resto va a discarica. Nel giro di due o tre anni avremo risolto un problema che e’ stato unico in Europa, probabilmente al mondo. Non ricordo altre realta’ internazionali nelle quali si siano accumulati 4,5 milioni di tonnellate di ecoballe. E allora il programma va avanti e insieme con la rimozione di ecoballe si e’ completato quasi del tutto il programma di bonifica delle discariche e soprattutto sono partiti gli impianti di compostaggio per la lavorazione dell’umido a cominciare da Pomigliano. Tutto questo – sottolinea De Luca – ci consentira’ in maniera credibile di porre all’Unione europea il problema di eliminare la sanzione che e’ stata messa sull’Italia di 120mila euro al giorno per infrazione ambientale: perche’ abbiamo dimostrato che il programma di gestione del ciclo dei rifiuti solidi urbani e’ pianamente in atto”.  LEGGI ANCHE: VIDEO | Salvini: “La camorra fa i miliardi sui rifiuti grazie all’incapacità di De Luca”

DE LUCA: “ORA DIPENDE TUTTO DA NOI”

Ormai il capitolo che riguardava il trasferimento fuori Campania e’ esaurito. Adesso dipende tutto da noi. La produzione di combustibile solido secondario, e’ stata fatta la gara aggiudicata ad A2a, e’ responsabilita’ dell’azienda produrre il combustibile secondario e collocarlo presso le centrali elettriche e i cementifici. Rimane da fare la tritovagliatura ma e’ un problema che riguarda soltanto noi. Sinceramente altri ostacoli non ne vedo”. Lo chiarisce il governatore campano Vincenzo De Luca a margine della presentazione del nuovo impianto per il trattamento dei rifiuti stoccati in balle all’interno dello STIR di Caivano. Con il mezzo miliardo investito dal governo, aggiunge, “abbiamo creato la precondizione essenziale per risolvere il problema delle ecoballe perche’ per 10-15 anni abbiamo parlato di ecoballe ma nessuno cacciava i soldi necessari per rimoverle. Abbiamo strappato le risorse necessarie, abbiamo fatto le gare, abbiamo fatto tutto con la supervisione dell’Anac perche’ sapete che e’ tema delicato quello del ciclo dei rifiuti. Non abbiamo perso un minuto di tempo. Abbiamo fatto i conti con una crisi del mercato che e’ stata drammatica. Il programma e’ pienamente in corso, con qualche ritardo indubbiamente, e possiamo dire che abbiamo avviato a soluzione un problema – conclude il governatore – che sarebbe rimasto irrisolto in Campania nei secoli dei secoli senza l’intervento del governo regionale”.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

21 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»