Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

L’ex microcomunità di Variney accoglierà i pazienti del Parini di Aosta per la riabilitazione

mani_riabilitazione_aifi_aiuto
Senza pazienti affetti da nuovo coronavirus in carico, la struttura è stata riorganizzata come unità di cura residenziale estensiva
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GIGNOD (AOSTA) – L’ex microcomunità di Variney, a Gignod, accoglierà pazienti dimessi dall’ospedale regionale Umberto Parini di Aosta che non possono essere assistiti a domicilio, per cure riabilitative. Da novembre, la Residenza sanitaria assistita di Variney accoglieva pazienti positivi al Covid-19. Senza pazienti affetti da nuovo coronavirus in carico, la struttura è stata riorganizzata come unità di cura residenziale estensiva. Oggi, martedì 20 luglio, è previsto il trasferimento dei primi pazienti dal Parini.

“Sono pazienti post-acuti non positivi al virus Sars-Cov-2– dice Francesca Faelli, direttrice del distretto sanitario 2 dell’Usl di Aosta- che necessitano di assistenza o che devono essere sottoposti a riabilitazione. Non possono essere seguiti a domicilio per esigenze cliniche puntuali o per problemi di carattere sociale e assistenziale. La funzione è anche quella di accogliere utenti provenienti dal territorio con le medesime caratteristiche dei degenti ospedalieri”.

La riorganizzazione della Rsa è stato possibile grazie a un accordo tra l’Usl, l’assessorato regionale alla Sanità, l’Unité des Communes Grand Combin e il Comune di Gignod. “Gli aspetti determinanti per la decisione di attivare 15 dei 34 posti disponibili nella Rsa sono due- spiega il direttore generale pro tempore dell’Usl, Marco Ottonello-: la possibilità di decongestionare l’ospedale, con vantaggi sul piano della pressione sui posti letto del Parini; la possibilità di riconvertire tempestivamente, nel caso di un’ulteriore riacutizzazione della situazione pandemica, i posti letto disponibili destinandoli a eventuali pazienti Covid positivi. La struttura, per le proprie caratteristiche, potrà anche essere riorganizzata in due aree distinte e separate, per ospitare sia pazienti positivi, sia quelli negativi”.

LEGGI ANCHE: Da La Thuile a Pila aprono ambulatori medici per i turisti della Valle d’Aosta

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»