Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Michetti: “Lasciamo le vittime del Covid fuori dalla campagna elettorale”

Il candidato sindaco di centrodestra interviene sulla polemica Gualtieri-Salvini invitando la politica a trasmettere un messaggio di pacificazione: "Un giudizio equilibrato si potrà dare solo col tempo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il Covid ha strappato via 130mila italiani e milioni di persone in tutto il mondo. Stiamo vivendo una tragedia epocale su cui non si deve speculare. Lasciamo fuori le vittime del Covid dalla campagna elettorale”. Così in una nota il candidato del centrodestra a sindaco di Roma, Enrico Michetti dopo la polemica tra Gualtieri e Salvini: il candidato alle primarie di centrosinistra aveva attaccato il leader della Lega, spiegando che se l’Italia avesse agito come chiedeva Salvini, “con nessun contenimento e nessuna chiusura ci sarebbero state decine o centinaia di migliaia di morti in più”. Parole bollate dal segretario del Carroccio come “vergognose”.

LEGGI ANCHE: Comunali Roma, Michetti: “Spintime e Casapound? No allo scontro sociale”

Il candidato al Campidoglio Michetti ha aggiunto che “in Italia nei primi mesi della pandemia molte cose non hanno funzionato e un giudizio equilibrato su quanto accaduto si potrà dare solo col tempo. Dalla politica deve giungere un messaggio di pacificazione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»