Regionali Campania, Ciarambino: “Pronti a presentare black list degli impresentabili”

La candidata M5s alla presidenza della Regione Campania annuncia di aver inviato una lettera al ministro dell'Interno e ai prefetti
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – “Ho inviato una lettera al ministro dell’Interno e ai prefetti di tutte le province della Campania affinche’ sia fatta la radiografia a ogni singolo candidato. Dopo la presentazione ufficiale delle liste pubblicheremo una black list con i nomi di tutti i candidati impresentabili“. Lo annuncia Valeria Ciarambino, candidata M5s alla presidenza della Regione Campania. “Mostreremo – assicura la capogruppo pentastellata – a tutti i cittadini ogni potenziale nemico della Campania. Non avremo scrupoli contro chi, come Stefano Caldoro e Vincenzo De Luca, non se ne sta facendo affatto, candidando i rappresentanti della peggiore classe politica della storia di questa regione e del Paese. Questa gente non ci rappresentera’ mai piu'”.

Per Valeria Ciarambino alle regionali del 20 e 21 settembre in Campani sara’ candidato “un esercito di impresentabili, indagati per reati che vanno dalla corruzione al voto di scambio politico mafioso, ex tangentisti, trasformisti seriali e politici riciclati della Prima Repubblica. Come cittadini abbiamo il dovere di fermare chiunque intenda utilizzare la nostra regione come un bancomat”. “E’ trascorso piu’ di un mese – ricorda la candidata M5s – da quando ho chiesto a Stefano Caldoro e a Vincenzo De Luca di firmare con me il patto “liste pulite”. Non mi sorprende che il mio invito sia andato a vuoto, tenuto conto del tenore dei nomi che stanno continuando a imbarcare nelle rispettive coalizioni, che un giorno rischiamo di ritrovarci nelle istituzioni. Se non hanno firmato loro, sono certa che lo faranno i cittadini della Campania”.

LEGGI ANCHE: 

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»