Il coronavirus fa chiudere il Parlamento? De Petris (Leu): “No al voto online, resti in funzione”

La questione è semplice: è davvero necessario che i parlamentari viaggino fino a Roma mettendo a rischio se stessi e le persone con cui entrano in contatto?
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “In questo momento cosi’ difficile e drammatico per il Paese il Parlamento deve essere in funzione, per convertire i decreti, per fare tutto quello che serve per aiutare il Paese”. Loredana De Petris, senatrice di LeU e presidente del gruppo Misto a Palazzo Madama, lo dice alla Dire.

Il Parlamento quindi resti in funzione “utilizzando, certo, tutte le precauzioni, come ad esempio abbiamo fatto la scorsa settimana al Senato votando in modo scaglionato- spiega De Petris- utilizzando anche altre possibilita’, ma certamente non il voto online“.

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»