Coronavirus, il Parlamento dice no alla chiusura. Lupi: “Noi come i medici”, Quagliariello: “Restiamo a bordo”

La posizione del presidente della Camera Roberto Fico condivisa anche dai rappresentanti delle opposizioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il Parlamento non puo’ chiudere. I parlamentari non possono lasciare la nave nel momento della difficolta’. Il presidente della Camera Roberto Fico mette in chiaro in un’intervista a Repubblica che se “tutti i cittadini stanno offrendo il proprio contributo per il superamento dell’emergenza, a fianco delle categorie che sono in prima linea giorno e notte, dai medici, al personale sanitario, alle forze dell’ordine, ai lavoratori dei settori produttivi connessi alla filiera alimentare, a farmacisti, e volontari” allora il compito dei parlamentari “e’ aiutare queste persone”.

Il Parlamento dev’essere in prima linea, non puo’ arretrare, come non arretrano i medici e altre categorie”, dice il primo inquilino di Montecitorio.

LEGGI ANCHE: Con il coronavirus il Parlamento rischia di chiudere, ma il voto a distanza divide la politica

https://www.youtube.com/watch?v=UzMjMAiGY78&feature=youtu.be

Le sue parole trovano consonanza nell’appello che il senatore di Idea Cambiamo Gaetano Quagliariello rivolge ai colleghi: “Non possiamo disertare. Colleghi, torniamo a bordo“, dice il senatore che si chiede: “Se i parlamentari resteranno a casa perderanno la loro reputazione. Ma quel che e’ piu’ grave faranno perdere la reputazione al Parlamento e alla democrazia. Se nel momento piu’ duro il parlamento rimarra’ chiuso, chi credera’ al suo ruolo quando la crisi sara’ passata?

https://youtu.be/ehHL0_M89aA

Anche Maurizio Lupi, presidente di Noi con l’Italia, condivide la posizione di Fico. “Il Parlamento non puo’ chiudere. I deputati sono come i medici, non possono stare a casa. Nei momenti di emergenza – osserva- si capisce cosa e’ essenziale nella propria vita e il parlamento e’ essenziale come un negozio di alimentari o un servizio postale aperto”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»