NEWS:

Truffa ai gestori telefonici. Coinvolti anche giudici di pace di Potenza

Guardia di finanza perquisisce noto avvocato sannita

Pubblicato:15-09-2022 17:53
Ultimo aggiornamento:15-09-2022 17:53
Autore:

blitz oleandro
FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

Potenza – La guardia di finanza di Potenza, con il coordinamento della Procura della Repubblica di Catanzaro, ha eseguito una perquisizione nei confronti di un noto avvocato del foro di Benevento accusato di avere messo in piedi una truffa nei confronti di gestori telefonici attraverso la presentazione, presso “compiacenti” giudici di pace dislocati nel territorio del capoluogo lucano, di un quantitativo enorme di ricorsi finalizzati all’ottenimento di decreti ingiuntivi, muniti della provvisoria esecutività.

IL SISTEMA

Il sistema inventato dal professionista era molto semplice: presentava un imponente numero di ricorsi, all’incirca trecento, quattrocento alla volta, per l’ottenimento di decreti ingiuntivi, unitamente ai precetti per il pagamento delle competenze legali. Nel dettaglio, chiedeva ai gestori telefonici l’esibizione dei contratti stipulati, spesso on line, dalla clientela, eccependo anomalie nel funzionamento della linea o altri disservizi. Considerato che le società non riuscivano a far fronte alle richieste in tempi brevi, immediatamente dopo richiedeva un decreto ingiuntivo, munito di provvisoria esecutività, per il pagamento di una somma a titolo di risarcimento del danno e la liquidazione del proprio onorario, ottenendo, così, la soddisfazione alle proprie pretese.

COMPENSI AI MAGISTRATI PER CIASCUNA CAUSA TRATTATA

Secondo le indagini gli stessi magistrati, peraltro, non eccependo la propria incompatibilità poiché i ricorsi non avevano alcun legame con la competenza territoriale del proprio ufficio, avrebbero ottenuto compensi per ciascuna causa “a fotocopia” trattata. L’operazione, chiamata Call me, ha portato a riscontrare come spesso i ricorsi fossero stati presentati anche in assenza di mandato degli interessati, falsificandone la firma. Le indagini proseguono con l’esame della documentazione sequestrata.


Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy