Trovato l’accordo sui sottosegretari, ecco la lista

Il Consiglio dei ministri inizia con un'ora di ritardo. Il giuramento ci sarà lunedì mattina
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – E’ iniziato a Palazzo Chigi il Consiglio dei ministri convocato per la nomina dei 42 sottosegretari. La lista è stata chiusa pochi minuti fa, c’erano ancora alcune caselle da completare nonostante la trattativa notturna. Il Cdm infatti è appena cominciato, con un ritardo di oltre un’ora. 

Il giuramento dei sottosegretari a Palazzo Chigi si terrà lunedì mattina. Lo ha riferito il ministro delle Politiche giovanili e Sport, Vincenzo Spadafora.

I NOMI

PRESIDENZA CONSIGLIO DEI MINISTRI: Mario Turco (programmazione economica e investimenti); Andrea Martella (editoria).

Rapporti con il Parlamento: Gianluca Castaldi; Simona Malpezzi.

Affari Europei: Laura Agea.

Esteri: Emanuela Del Re (viceministro); Manlio Di Stefano; Marina Sereni (viceministro); Ivan Scalfarotto; Riccardo Merlo.

Interni: Vito Crimi (viceministro); Carlo Sibilia; Matteo Mauri (viceministro); Achille Variati.

Giustizia: Vittorio Ferraresi; Andrea Giorgis.

Difesa: Angelo Tofalo; Giulio Calvisi;

Economia: Laura Castelli (viceministri); Alessio Villarosa; Antonio Misiani (viceministro); Pierpaolo Baretta; Cecilia Guerra.

Mise: Stefano Buffagni (viceministro); Alessandra Todde; Mirella Liuzzi; Gianpaolo Manzella; Alessia Morani.

Politiche agricole: Giuseppe L’Abbate.

Ambiente: Roberto Morassut.

Mit: Giancarlo Cancelleri (viceministro); Roberto Traversi; Salvatore Margiotta.

Lavoro: Stanislao Di Piazza; Francesca Puglisi.

Istruzione: Lucia Azzolina; Anna Ascani (viceministro); Giuseppe De Cristofaro.

Cultura: Anna Laura Orrico; Lorenza Bonaccorsi.

Salute: Pierpaolo Sileri (viceministro); Sandra Zampa.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

13 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»