NEWS:

Etiopia, il Governo: “Contro il Tigray nessun aiuto dall’Eritrea”

ROMA- L'Eritrea non sta aiutando l'Etiopia nell'offensiva contro il gruppo

Pubblicato:12-11-2020 12:48
Ultimo aggiornamento:17-12-2020 20:13

FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

ROMA- L’Eritrea non sta aiutando l’Etiopia nell’offensiva contro il gruppo armato ribelle del Tigray: lo ha detto il ministro della difesa etiopico, Kenea Yadeta, smentendo le accuse mosse dal presidente del Tigray people liberation front (Tplf), Debretsion Gebremichael. Da ormai una settimana il Tigray, regione settentrionale dell’Etiopia che confina con Eritrea e Sudan, subisce l’offensiva delle forze regolari etiopiche. Il primo ministro, Abiy Ahmed Ali, ha confermato che “l’operazione di polizia” continuera’ finche’ non sara’ smantellato il Tplf, partito politico al governo della regione e la cui ala armata e’ impegnata a contrastare l’offensiva dell’esercito federale. Il premier premio Nobel per la pace ha anche respinto ogni possibile “negoziato” con i leader tigrini.

LEGGI ANCHE: L’esercito dell’Etiopia ha preso un aeroporto nel Tigray, vicino al confine con l’Eritrea

Etiopia, il Tigray si appella all’Unione Africana: “Fermate la guerra”


In migliaia in fuga dall’Etiopia, l’esperto: “Un incubo anche per l’Europa”

A pagare i costi del braccio di ferro tra Addis Abeba e il governo locale pero’, e’ la popolazione: gli organi di stampa africani hanno avvertito ieri che gia’ 6mila profughi etiopici hanno superato la frontiera col Sudan per sfuggire alle violenze, e che in totale potrebbero arrivarne 200mila. La regione risulta ancora tagliata fuori dal momento che le linee telefoniche e di internet sono state bloccate.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy