hamburger menu

Netanyahu: “Ogni membro di Hamas è un uomo morto”. Gaza sotto le bombe

Mentre in Israele nasce un governo di unità nazionale, su Gaza continuano a cadere bombe: il numero dei morti sale a 1200

Pubblicato:12-10-2023 09:09
Ultimo aggiornamento:13-10-2023 10:41
Canale: Mondo
Autore:
gaza
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – “Ogni membro di Hamas è un uomo morto“: lo ha detto ieri il premier israeliano Benyamin Netanayahu, mentre su Gaza continuano a cadere bombe. Da sabato, giorno del terribile attacco sferrato da Hamas a Israele, in Medio Oriente è stato solo un crescendo di violenza. Il numero delle vittime a Gaza è salito a 1200. I feriti sono 5.600. E di fatto l’invasione di Gaza da parte di Israele potrebbe di fatto avvenire da un momento all’altro. E si tratta per trovare il modo di far uscire i civili da questo inferno. “Non sarà un’operazione breve, ma sarà una lunga e dura guerra”, ha detto il portavoce del ministro degli Esteri di Israele, Lior Hayat.

LEGGI ANCHE: I deltaplani di Hamas dopo 30 anni di accordi falliti: cosa è successo fino a ora tra Israele e i palestinesi

Le pesantissime parole di Netanyahu sono arrivate in un discorso tenuto alla nazione insieme al leader dell’opposizione ed ex ministro della Difesa Benny Gantz in cui è stata annunciata la nascita di un governo di unità nazionale per gestire l’emergenza. “C’è un tempo per la pace e un tempo per la guerra, ora è il tempo della guerra”, ha detto il leader del partito Unità Nazionale, Benny Gantz.

Anche il ministro della Difesa, che ha parlato al paese insieme a Netanyahu e Gantz, ha usatoi parole pesantissime, promettendo la “cancellazione” di Hamas dalla faccia della terra. “Hamas, Daesh di Gaza, sarà spazzato via dalla faccia della terra“, ha detto, sottolineando che “non esiste una situazione in cui voi uccidete bambini israeliani e noi ci occupiamo delle nostre cose”.

Nell’escalation di violenza il punto più alto è stata raggiunto con la notizia, infine confermata ieri dalle autorità israeliane dopo un giorno di smentite e confusione, del ritrovamento di bambini e neonati “decapitati” nel kibbutz di Kfar Aza.

(Le immagini sono tratta da video pubblicati su Twitter dal giornalista palestinese Muhammad Smiry)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2023-10-13T10:41:24+01:00

Ti potrebbe interessare: