Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ristoratori toscani verso Roma con le tende “finché Draghi ci darà garanzie”

ristoratori toscana
Pasquale Naccari, portavoce del gruppo Tutela nazionale imprese-Ristoratori Toscana, guida la protesta dei lavoratori che il 22 febbraio chiederanno al Governo "indennizzi per i mancati incassi dall'inizio dell'emergenza e il superamento del sistema semaforico che sta uccidendo l'economia italiana"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – I ristoratori ripartono per Roma “per difendere il lavoro”. Direzione Montecitorio, dove sono pronti a restare “a oltranza”. Il 22 febbraio, giorno indetto per la manifestazione, “porteremo con noi le tende e non ci muoveremo fino a quando non avremo garanzie, non inutili promesse, sul nostro futuro”, sottolinea il portavoce del gruppo Tutela nazionale imprese-Ristoratori Toscana, Pasquale Naccari. Tradotto, al premier Draghi chiederanno “indennizzi per i mancati incassi dall’inizio dell’emergenza e il superamento del sistema semaforico che sta uccidendo l’economia italiana”.

I ristoratori, che stanno organizzando autobus da tutte le province della Toscana, premono inoltre sulle riaperture serali: “I nostri locali sono luoghi sicuri e se sono aperti a pranzo possono esserlo anche a cena. Se qualcuno pensa il contrario ci porti le prove scientifiche. Vogliamo dati oggettivi, non chiacchiere“, aggiunge Naccari, perché “le nostre attività perdono il 70% di incassi in zona gialla“. Quella degli imprenditori che hanno aderito alle due sigle nate nell’anno del Covid “è una richiesta di aiuto. I ristori non stanno arrivando o nel migliore dei casi sono briciole e le scadenze, come quella dell’Inps, sono alle porte. È necessario, quindi, aprire immediatamente i nostri ristoranti e risarcirci delle perdite avute fino a questo momento”.

LEGGI ANCHE: Flash mob dei ristoratori di Ravenna: lasciateci aprire fino alle 21,30

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»