Anche i magistrati dell’Emilia-Romagna chiedono la cittadinanza per Zaki

patrick_zaki
I magistrati della regione chiedono giustizia per lo studente egiziano in carcere al Cairo, e sottoscrivono un appello che al momento conta 155 firme
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Anche i magistrati dell’Emilia-Romagnachiedono giustizia per Patrick Zaki e condividono la richiesta di cittadinanza, anche per onorare il ricordo di Giulio Regeni”. E per farlo sottoscrivono un appello, che al momento conta 155 firme, in alcuni casi di magistrati che, pur non lavorando più in regione, sono stati in passato in servizio in Emilia-Romagna.

Da un anno, ricordano i firmatari, Zaki, ricercatore dell’Università di Bologna, “è in carcere senza sapere perché, e ci chiediamo se possiamo fare qualcosa”. E “come cittadini, prima ancora che come magistrati- chiosano- non possiamo permettere che tempi barbari trasformino anche noi in barbari senza più la capacità di indignarci, perché ‘chi salva una vita salva il mondo intero’, è scritto nella Bibbia, e il Corano dice ‘chi uccide un solo uomo innocente, uccide tutta l’umanità'”. Da qui la decisione di aderire alla proposta di conferire a Zaki la cittadinanza italiana.

LEGGI ANCHE: Zaki diventa simbolicamente sindacalista: le sue sagome siedono alla Cgil di Modena

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»