Morra (M5s) indagato per le frasi su Jole Santelli

nicola morra
Il reato contestato dalla Procura di Cosenza è quello di diffamazione aggravata e continuata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA — Nicola Morra, senatore M5s e presidente della Commissione parlamentare Antimafia, è stato indagato dalla Procura di Cosenza per il reato di “diffamazione aggravata e continuata”. Lo apprende l’Agenzia DIRE. Il fascicolo su Morra era stato aperto dopo le frasi sulla presidente della Regione Calabria Jole Santelli lo scorso Novembre dopo poche settimana dalla morte della governatrice (“Era noto a tutti che la presidente della Calabria Santelli fosse una grave malata oncologica. Se però ai calabresi questo è piaciuto, è la democrazia, ognuno dev’essere responsabile delle proprie scelte”) . Subito dopo quelle frasi, le sorelle di Santelli, Paola e Roberta, parti offese, presentarono querela. Ora è scattato il capo di imputazione di cui dovrà rispondere il senatore del Movimento di Beppe Grillo.

LEGGI ANCHE: Morra si scusi su Santelli. L’Italia non è la Rupe Tarpea

Morra torna sulla questione Santelli: “Aveva diritto a candidarsi, ma i calabresi non si lamentino”

Sospesa dall’insegnamento la prof. che esultò per la morte di Jole Santelli

MORRA: “IO INDAGATO DOPO AVER DECISO AUDIZIONE PALAMARA

“Dopo due giorni dall’aver divulgato la notizia della prossima audizione del Dott. Palamara in Commissione Antimafia, apprendo da un’agenzia di essere indagato per diffamazione. Sarà un caso…”, dice Morra, a proposito della notizia data dalla Dire dell’indagine a suo carico per diffamazione, dopo le parole sull’ex presidente della Regione Calabria Jole Santelli. “Provvederò a segnalare la notiza per quelle che sono le regole del M5s ai probiviri e al garante, e se ho sbagliato dovrò rispondere dei miei errori. Se non ho sbagliato, come penso, tutto dovrà essere archiviato. Devo però correggere l’agenzia Dire – secondo la quale dovrei rispondere al capo d’imputazione di diffamazione – e cioè io dovrò rispondere qualora dovessi essere rinviato a giudizio, decisione che non è stata ancora presa”. “Mi sembra irrituale che quelle parole, oggetto di polemiche formidabili-prosegue Morra-, possano produrre un’inchiesta con ipotesi di diffamazione aggravata e continuata. Sarà la magistratura ad accertarlo, io continuo e cercherò di audire il dottor Palamara”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»