Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A un anno dalla scomparsa Poste italiane dedica un francobollo a Jole Santelli

Il suo ritratto in primo piano sul profilo dell'Italia in cui è evidenziata la Calabria, regione in cui è stata la prima donna a ricoprire l'incarico di Presidente
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

È stato emesso dal Ministero dello Sviluppo Economico un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “il Senso civico” dedicato a Jole Santelli.
Tiratura: trecentomila esemplari. Foglio da quarantacinque esemplari.
Il francobollo, spiega una nota delle Poste italiane, è stampato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, in rotocalcografia, su carta bianca, patinata neutra, autoadesiva, non fluorescente. Bozzetto a cura di Claudia Giusto.

La vignetta riproduce un ritratto di Jole Santelli, protagonista della politica italiana, in primo piano sul profilo dell’Italia in cui è evidenziata la Calabria, regione in cui è stata la prima donna a ricoprire l’incarico di Presidente. Completano il francobollo la leggenda “Jole Santelli”, “1968 – 2020” e “Presidente Regione Calabria”, la scritta “Italia” e l’indicazione tariffaria “B”.
L’annullo primo giorno di emissione sarà disponibile presso lo sportello filatelico dell’ufficio postale di Cosenza Veneto e Roma Senato.

Il francobollo e i prodotti filatelici correlati, cartoline, tessere e bollettini illustrativi saranno disponibili presso gli Uffici Postali con sportello filatelico, gli “Spazio Filatelia” di Firenze, Genova, Milano, Napoli, Roma, Roma 1, Torino, Trieste, Venezia, Verona e sul sito poste.it.
Per l’occasione è stata realizzata anche una cartella filatelica in formato A4 a tre ante, contenente una quartina di francobolli, un francobollo singolo, una cartolina annullata ed affrancata e una busta primo giorno di emissione, al prezzo di 15 euro.

CASELLATI: “DONNA TENACE, DALLE MILLE RISORSE

“Ci sono momenti come questo in cui la commozione supera le parole. Un anno fa, carissima Jole, ci hai lasciato. Te ne sei andata improvvisamente e silenziosamente. Lasciando tutti noi impotenti di fronte ad una tristezza infinita. Ti abbiamo sempre visto come una donna dalle mille risorse. Energica e volitiva. Coraggiosa e tenace. Una donna che non si arrende mai e che sa sognare l’impossibile. Quella donna che sembrava invincibile improvvisamente non c’era più. Era impossibile crederci”. Così la presidente del Senato, Maria Elisabetta Casellati, nel suo discorso in ricordo di Jole Santelli, presidente della Regione Calabria scomparsa un anno fa, all’evento in Sala Zuccari a Palazzo Giustiniani.

“È stato davvero difficile confrontarsi con la tua assenza. Lo è stato – sottolinea Casellati – per chi, come me, conosceva e amava la Jole privata accanto alla Jole pubblica. Ma lo è stato anche per la tua comunità, la Calabria, che improvvisamente ha perso una grande guida e un solido punto di riferimento. Oggi ci ritroviamo in Senato insieme alle tue sorelle, a colleghi, amici ed esponenti del mondo della politica e delle istituzioni per darti il nostro più grande abbraccio. Per ricordare quanto sia stata e sia oggi importante la tua testimonianza. Perché, cara Jole, tu per noi sei uno straordinario esempio di coraggio e di servizio alla comunità. Passione, competenza e visione. Queste tre parole sono sempre state il tuo motto, nella carriera professionale come in quella politica”. “L’impegno pubblico – continua Casellati – era per te una filosofia di vita. Più di venticinque anni di militanza partitica, vent’anni alla Camera dei deputati, cinque come sottosegretario. Un lungo cammino che ti ha visto combattere per portare avanti le idee di un progetto liberale, moderato e cattolico. Con quel rispetto istituzionale che per te ha sempre significato apertura al dialogo e al confronto. Senza però mai cedere di fronte alle proprie posizioni. Lo hai dimostrato chiaramente nei tuoi otto mesi come primo presidente donna della Regione Calabria. Un’avventura trascorsa in trincea, in una condizione di emergenza pandemica senza precedenti, a combattere per dare una guida unitaria ad una sanità regionale ‘dalle mille teste’, fortemente indebolita da anni di commissariamento. E insieme ad evitare il tracollo economico e sociale di un territorio dalle mille fragilità. Anche di fronte a questa prova, non hai mai perso la determinazione e l’ottimismo. Fin dal tuo primo intervento in Consiglio regionale hai detto: ‘Usciremo da questa emergenza. Lo faremo sicuramente perché ogni crisi ha una sua rinascita, ma dobbiamo essere convinti che dopo ci sarà un’altra Calabria, soprattutto dal punto di vista economico’”.

MAGORNO: “HA LASCIATO UN SEGNO PROFONDO NEL CUORE DEI CALABRESI

“Il 15 ottobre di un anno fa la Calabria era scossa dalla notizia della morte della Presidente Jole #Santelli. Un pensiero commosso va a lei grande donna delle istituzioni che ha lasciato un segno profondo nel cuore di tutti i calabresi. Il grande lavoro di Jole Santelli è la base del rilancio della nostra regione”. Così, in un post su Facebook, il senatore di Italia Viva, Ernesto Magorno, ricorda la presidente Jole Santelli.

NESCI: “DONNA CORAGGIOSA, SUA SCOMPARSA FERITA ANCORA APERTA

“Un anno fa ci lasciava Jole Santelli, donna forte e coraggiosa che si è sempre battuta per le sue idee. La sua improvvisa scomparsa ha scosso tutti ed è una ferita ancora aperta per la Calabria e le istituzioni. A lei e i suoi cari un pensiero commosso. Che la terra le sia lieve”. Lo dichiara la sottosegretaria per il Sud e la Coesione territoriale Dalila Nesci.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»