VIDEO | A Napoli il magnete di Santo Diego (Maradona) per proteggersi dal coronavirus

In una città deserta per le nuove misure adottate in tutta Italia c'è chi prova a strappare un sorriso contro l'ansia da contagio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – In una Napoli deserta per le nuove misure adottate in Italia per ridurre la diffusione del coronavirus, c’è chi prova a strappare un sorriso contro l’ansia da contagio. A Spaccanapoli è in vendita il magnete di Santo Diego (Maradona) che “protegge dal coronavirus”, mentre un noto artigiano di gioielli si è inventato la mascherina “C’a Maronna ‘t accumpagna” dedicata ai motociclisti. Sono due tra i pochissimi negozi aperti oggi nella strada più affollata e turistica del capoluogo partenopeo.

“Domani chiuderemo – confidano alcuni commercianti alla Dire -, non c’è nessuno, è inutile restare aperti”. Serrande abbassate anche la strada dei presepi di San Gregorio Armeno, una delle vie più famose al mondo. Il coronavirus ha fermato anche la creatività degli artisti del presepe, con le storiche botteghe Di Virgilio e Ferrigno che restano chiuse, mentre gli unici tre negozi aperti stanno valutando la chiusura.

In via Toledo alcuni esercizi commerciali espongono un cartello con la scritta “Io resto a casa” sulla serranda abbassata e anche famose catene come Victoria’s Secret hanno scelto di non aprire i battenti. In via dei Tribunali la pizzeria Sorbillo è aperta, ma la cameriera del locale spiega che oggi a pranzo “l’affluenza è stata bassissima”. In questa ed altre pizzerie del centro storico, di solito prese d’assalto dai turisti, i tavoli sono quasi tutti vuoti.

LEGGI ANCHE:

FOTO | Coronavirus, Bologna deserta nel primo giorno di ‘zona protetta’

VIDEO | Milano e il coronavirus, il risveglio sulla scena del delitto

VIDEO | Roma e coronavirus, mascherine e file sui marciapiedi: ecco il ‘day after’

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

10 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»