VIDEO | Disabili, Colombo: “Il vero problema è la mancanza di inclusione sociale”

Lo ha dichiarato il neo Garante dei disabili della Regione Campania, Paolo Colombo, a margine di una conferenza stampa in Consiglio regionale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “L’ultimo rapporto pubblicato in occasione della giornata della disabilità ci descrive una situazione ancora molto complicata e difficile“. Così il neo Garante dei disabili della Regione Campania, Paolo Colombo, a margine di una conferenza stampa in Consiglio regionale.

Quello che viene evidenziato, spiega Colombo, è la “mancanza di inclusione sociale, molte persone disabili sono in solitudine, praticamente sono a carico delle famiglie e molto spesso vivono in situazione di arresti domiciliari perché non riescono ad avere occasione di aggregazione, hanno difficoltà lavorative, problemi nell’inclusione scolastica e nell’accessibilità ai servizi socio-sanitari”.

Per il garante “la legislazione italiana è spesso e volentieri una legislazione di diritti negati”. Si tratta, avverte, di un “problema anche e soprattutto culturale, di educazione civica: pensiamo al problema dei parcheggi. Io farò parecchie iniziative su questo settore, ho già in mente alcune campagne a partire dalla scuola.

Mi impegnerò molto per far sviluppare una cultura adeguata dell’handicap e un’educazione civica maggiore. Il tema della disabilità è fondamentale e trasversale – conclude – perché riguarda l’intera società per questo lavorerò per dare vita, a marzo, agli Stati generali delle persone con disabilità”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»