Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La Regione Valle d’Aosta protesta per un Pnrr “estremamente centralistico”

regione valle d'aosta
Il Consiglio regionale ha inviato una lettera a Roma per protestare: "Le Regioni e le Province autonome rivendicano la possibilità di una gestione diretta di larga parte dei fondi che dovrebbero essere attribuiti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

AOSTA – La Regione Valle d’Aosta invierà a Roma una lettera per protestare per la gestione del Pnrr, il Piano nazionale di ripresa e resilienza. Il documento sarà “accompagnato naturalmente ad azioni politiche forti, perché non si può pensare di essere messi a margine in alcuni di quei piani”. La delusione valdostana è stata illustrata dall’assessore regionale agli Affari europei, Luciano Caveri, intervenuto in Consiglio regionale durante la sessione europea di questa mattina.

Le Regioni e le Province autonome rivendicano la possibilità di una gestione diretta di larga parte dei fondi che dovrebbero essere attribuiti. Oggi invece ci troviamo di fronte ad un piano di resilienza estremamente centralistico, rispetto al quale incominciamo ad avere anche delle avvisaglie che non sono così rassicuranti” ha aggiunto Caveri. Sanità, politiche sociali e scuola, in Valle d’Aosta, sono competenze regionali, così come la finanza locale delegata dall’amministrazione regionale al sistema dei Comuni.

LEGGI ANCHE: Tre nuovi open day vaccinali ad Aosta e Donnas

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»