Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Lucha Y Siesta: venerdì la conferenza stampa sulla nuova fase dopo l’asta

Dopo l'incontro alla Casa delle donne, la comunità festeggerà in modo itinerante insieme alla città
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “A 14 anni dal recupero dello spazio abbandonato di Via Lucio Sestio 10 e dalla nascita dell’esperienza della Casa delle donne Lucha y Siesta. A due anni dalla definitiva messa in vendita dello stabile all’interno del concordato Atac e dalla conseguente costituzione del Comitato Lucha alla città. A un anno dall’inizio del processo di progettazione partecipata di Lucha2.0. A un mese dall’asta con cui la Regione Lazio si è aggiudicata l’immobile. Inauguriamo una nuova fase della storia di Lucha y Siesta e della sua ampia comunità”. Così in una nota stampa le attiviste della Casa delle Donne Lucha y Siesta.

Interverranno alla conferenza stampa, che si terrà venerdì 10 settembre alle 16.30, la Casa delle donne Lucha y Siesta; Federica Giardini, del il Comitato Lucha alla Città; Marta Bonafoni, consigliera della Regione Lazio; Maura Cossutta, della Casa Internazionale delle Donne; Gianna Urizio, di D.i.Re Donne in Rete contro la violenza; Non Una di Meno Roma e Lab!Puzzle bene comune.

A seguire- prosegue la nota- la comunità della Casa festeggerà in modo itinerante per dare, simbolicamente e concretamente, Lucha alla città. Consapevoli di tutte le particolari attenzioni rese necessarie dal periodo di pandemia, siamo convinte che questo sia un momento da celebrare: l’aggiudicazione dell’asta e l’inaugurazione di questa nuova fase– conclude la nota- segnano una prima grande vittoria per la città tutta, vittoria che dimostra il potere creativo della lotta transfemminista. Lucha è di tutte”. Le informazioni sull’evento sono disponibili sui canali social di Lucha y Siesta.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»