Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Messico, terremoto di magnitudo 7,1 ad Acapulco. Tanta paura e almeno una vittima

terremoto acapulco
Il sisma è stato avvertito anche nella capitale. Al momento, non sono segnalati gravi danni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Almeno una persona ha perso la vita nel terremoto di intensità 7,1 sulla scala Richter che ha colpito intorno alle 21 di ieri, ora locale, lo Stato messicano di Guerrero, con epicentro nel capoluogo Acapulco, poco più di 350 chilometri a sud-ovest della capitale Città del Messico. A renderlo noto, come si legge sul quotidiano El Universal, è stato il governatore dello Stato, Hector Astudillo.


Il Servicio Sismologico Nacional aveva inizialmente rilevato una magnitudo di 6,9 Richter, corretta poi a 7,1. Le scosse sono state avvertite negli Stati di Michoacán, Morelos, Oaxaca, Veracruz e anche nella capitale. Oltre al decesso di almeno una persona, avvenuta nella località di Coyuca de Benitez, il sisma non ha fatto registrare gravi danni, se non caduta di macerie, il crollo di alcune recinzioni e dei blackout elettrici, come sottolineato dal presidente Andres Manuel Lopez Obrador in un messaggio pubblicato sui social media poco dopo la scossa.


L’anno scorso un sisma di quasi la stessa intensità di quello che si è verificato questa notte provocò dieci vittime nello Stato di Oaxaca. Tre anni prima, un terremoto di magnitudo 8,2, sempre in Oaxaca, causò la morte di quasi 100 persone e danni più ingenti.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»