I No Tav sfidano Salvini: “Territorio ostile, faccia partire l’allargamento del cantiere…”

"Di questa sceneggiata- scrivono i No Tav- ne avremo fatto volentieri a meno, lo abbiamo dichiarato giorni fa, poiché l’esito era scontato"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Continuiamo da noi. Da un cantiere di fatto fermo da oltre 400 giorni grazie alla nostra opera costante di presidio ed iniziativa, da dei lavori di allargamento che sfidiamo Salvini a far partire, così da poter toccare con mano cosa significa cantierizzare un territorio ostile”. Questa è la sfida che, in un comunicato su facebook, i No Tav lanciano al ministro Salvini dopo la discussione, questa mattina in Senato, delle mozioni sulla Tav.

LEGGI ANCHE: La vittoria dei No Tav: “pacifici ma decisi”, in migliaia al corteo che viola la zona rossa

“Di questa sceneggiata- scrivono i No Tav- ne avremo fatto volentieri a meno, lo abbiamo dichiarato giorni fa, poiché l’esito era scontato e non ci interessa francamente spenderci troppo parole. Giochi di palazzo e poltrone, equilibrismi e fanatismi li lasciamo volentieri ad altri. La storia, lo sappiamo, relegherà ognuno al posto che merita”.

LEGGI ANCHE: Grillo attacca il leader No Tav: “Ipocrita, non siamo traditori”

“Questo teatrino costruito sulla nostra pelle- aggiungono- si svolge mentre decine di fogli di via vengono notificati ancora in questi minuti da carabinieri e polizia a tanti della valle che quotidianamente si spendono nelle iniziative di contrasto all’opera devastatrice”.
Ma, concludono i No Tav, “la nostra storia, sui sentieri e nelle piazze, nei presidi e nelle assemblee, nei mercati e tra la gente la scriviamo noi. Ci vediamo nella valle che Resiste!”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

7 Agosto 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»