Emilia-Romagna, nelle prossime settimane ristori ai locali in regola con i contributi

ristoranti emilia-romagna
La Regione ha messo a disposizione 21,3 milioni di euro per bar e ristoranti in crisi: delle 2.218 domande presentate, circa 1.100 non avevano versato correttamente le tasse, ma hanno tempo fino al 31 maggio per sistemare la propria posizione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Poche settimane e ristoranti e bar bolognesi incasseranno i ristori regionali liquidati dalla Camera di commercio, come prevede il bando dell’Emilia-Romagna che ha messo a disposizione 21,3 milioni di euro per i locali messi in crisi dalle lunghe chiusure imposte dall’emergenza sanitaria. Tempi brevi, dunque, ma solo per le imprese in regola: circa 900 secondo Confesercenti, sulle oltre 2.000 (2.218), che hanno presentato domanda per avere gli aiuti. Gli altri locali, circa 1.100, non erano in regola con i versamenti dei contributi, ha spiegato nei giorni scorsi l’associazione, chiedendo alla Regione di rivedere i requisiti previsti dal bando, che richiede la regolarità del Durc. Nella liquidazione dei contributi la Camera di commercio ha operato unicamente come braccio operativo della Regione Emilia-Romagna. In ogni caso, precisa la Mercanzia, tutte le imprese la cui domanda presentava irregolarità hanno tempo fino al 31 maggio per regolarizzare la propria posizione e ricevere così i contributi.

L’importo sarà uguale per tutti in regione: è infatti calcolato dividendo lo stanziamento complessivo per il numero delle imprese che hanno presentato domanda.

LEGGI ANCHE: Forum del Terzo settore dell’Emilia-Romagna: c’è chi soffre, basta furbi

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»