Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Villa Buonaccorsi, sopralluogo del Ministero per valutare l’esercizio del diritto di prelazione

Giorgia Latini_imagoeconomica
L'assessore Giorgia Latini: "Grazie al sottosegretario Borgonzoni che ha attivato il Ministero si va verso la valorizzazione dello storico immobile"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – Nei giorni scorsi il ministero della Cultura ha effettuato un primo sopralluogo a Villa Buonaccorsi. Lo ha comunicato in una nota il sottosegretario alla Cultura, Lucia Borgonzoni che, dopo l’interessamento al caso del presidente della Regione Marche, Francesco Acquaroli e dell’assessore alla Cultura Giorgia Latini, si è occupata delle necessarie verifiche da parte della competente Soprintendenza.

L’assessore Latini congiuntamente con le dichiarazioni del presidente Acquaroli, che ha sottolineato gli esiti positivi di una riunione tra la Regione e il Comune di Potenza Picena, ha espresso la sua soddisfazione: “Finalmente si apre la procedura per esercitare l’articolo 60 del Codice dei beni culturali e del paesaggio, che assicura il diritto di prelazione al Ministero per beni come Villa Buonaccorsi. Già dalla prossima settimana potremo avere una risposta in merito. In questo modo – conclude l’assessore Latini-  grazie all’intervento del sottosegretario Lucia Borgonzoni che ha interessato anche il Ministro, il Governo si fa carico di un pezzo importante del nostro patrimonio regionale. Una volta che la prelazione sarà definita, si avvierà un percorso condiviso per la valorizzazione e la gestione di questo bene di grande valore culturale e architettonico da parte della Regione Marche”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»